Turismo invernale, i danni dopo il rinvio dell’apertura | T-Mag | il magazine di Tecnè

Turismo invernale, i danni dopo il rinvio dell’apertura

Il rinnovo della chiusura degli impianti sciistici, annunciato a poche ore dall’apertura annunciata, provoca ingenti danni ai gestori che si erano già preparati all’inizio della stagione invernale

di Redazione

È stata nuovamente rinviata l’apertura degli impianti sciistici, l’annuncio ufficiale, dato a sole dodici ore da quella che si pensava essere la data di riapertura prevista e autorizzata, a partire dal 15 febbraio nelle regioni in zona gialla, ha spiazzato i gestori e gli addetti ai lavori che nei giorni precedenti si sono adoperati per poter aprire le strutture di montagna. Il rinvio è stato confermato fino ad almeno il 5 marzo, a stagione invernale praticamente quasi finita e blocca definitivamente il turismo di montagna con danni ingenti per tutte le imprese del settore.

Photo by Wilfried Santer on Unsplash

Secondo un’analisi condotta dalla Coldiretti, il rinnovo della chiusura degli impianti sciistici non avrà un impatto economico negativo solo sulle piste da sci, ma sull’intera economia che ruota intorno al turismo invernale che fino a prima dell’emergenza sanitaria registrava un valore stimato compreso tra i 10 e i 12 miliardi di euro l’anno tra fatturato diretto, indotto e filiera. Per quanto riguarda le perdite indirette, queste sono quelle subite da alloggi, ristoranti, agriturismi, rifugi e terme e spa, che hanno subito a causa dello stop del turismo un calo del fatturato del 90%.

Dal punto di vista dei turisti, invece, lo stop, sempre secondo la Coldiretti, colpisce 3,8 milioni di italiani che lo scorso anno sono andati in vacanza in montagna.

L’annuncio ufficiale arriva a seguito della riunione con il Cts che si è svolta solo venerdì e dalla quale è emerso che non ci sono più le condizioni per poter riaprire in sicurezza ed è stato deciso anche un cambio di colore e un inasprimento delle limitazioni in Toscana, Liguria, Abruzzo e la provincia autonoma di Trento, mentre Bolzano era già in lockdown totale.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Paolo Figliuolo nominato Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19

«Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha nominato il Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo nuovo Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19». Lo rende noto…

1 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, ex presidente Sarkozy condannato a tre anni

L’ex presidente francese, Nicolas Sarkozy, è stato condannato oggi a tre anni, di cui due con la condizionale, per lo scandalo delle intercettazioni. Tra le…

1 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

È morto l’ex segretario generale della Uil, Pietro Larizza

Il segretario generale della Uil dal 1992 al 2000, Pietro Larizza, è morto all’età di 85 anni. Lo ha reso noto il sindacato attraverso una…

1 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Birmania, due nuove accuse contro San Suu Kyi

Violazione delle legge sulla comunicazione e incitamento al disordine pubblico. Queste sono le due nuove accuse rivolte alla leader birmana deposta dal colpo di stato…

1 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia