È il settore alimentare a trainare l’economia | T-Mag | il magazine di Tecnè

È il settore alimentare a trainare l’economia

Per quanto riguarda le esportazioni, ad esempio, sono cresciute solo quelle di prodotti agroalimentari Made in Italy, segnando un un record nel 2020

di Redazione

In un momento di incertezza profonda dovuto ancora all’emergenza sanitaria, che di fatto sta mettendo a dura prova la ripresa, a quanto pare è soprattutto il settore alimentare a trainare l’economia. Se prendiamo in considerazione l’export, ad esempio, a crescere sono solo le esportazioni di prodotti agroalimentari Made in Italy, che segnano nel 2020 il massimo storico di sempre con un valore di 46,1 miliardi. E a far tornare positiva l’inflazione contribuiscono i prezzi dei prodotti alimentari che aumentano dello 0,6% con punte del 3% per la frutta.

Stando alle analisi della Coldiretti, per quanto riguarda l’export, si osserva un aumento delle esportazioni agroalimentari nazionali dell’1,8% in netta controtendenza al crollo generale del 9,7%. È un risultato ottenuto nonostante le difficoltà degli scambi commerciali e il lockdown in tutti i continenti della ristorazione che ha pesantemente colpito la cucina italiana. Ma evidentemente le nuove abitudini a livello mondiale hanno favorito il Made in Italy. E infatti, secondo la Coldiretti, ad essere avvantaggiate sono state le esportazioni nazionali di conserve di pomodoro (+17%), pasta (+16%), olio di oliva (+5%) e frutta e verdura (+5%) che hanno raggiunto in valore il massimo di sempre. In calo del 3% sono invece le spedizioni di vino italiano nel mondo, duramente colpite dalla chiusura, appunto, dei ristoranti che rappresentano il principale mercato di sbocco per le bottiglie di alta qualità.

Rispetto ai dati Istat relativi all’andamento dell’inflazione a gennaio 2021 che sanciscono l’uscita dell’Italia dalla deflazione dopo otto mesi, con un aumento dello 0,4% dell’indice dei prezzi su base annua, la Coldiretti osserva che sul piano congiunturale ad incidere è anche l’andamento dei prezzi energetici per effetto delle quotazioni del petrolio che impatta anche sul costo di benzina e gasolio in un paese come l’Italia dove l`85% dei trasporti commerciali avviene per strada. 

L’aumento dei prezzi dei carburanti, sottolinea ancora la Coldiretti, ha un effetto valanga sulla spesa con un aumento dei costi di trasporto oltre che di quelli di produzione, trasformazione e conservazione. A subire gli effetti dei prezzi dei carburanti, dunque, è anche l’intero sistema agroalimentare dove i costi della logistica arrivano ad incidere fino dal 30 al 35% sul totale dei costi per frutta e verdura, secondo un’analisi della Coldiretti su dati Ismea.

 

Scrivi una replica

News

Olanda, si dimette la ministra degli Esteri

Sigrid Kaag, ministra degli esteri dell’Olanda, si è dimessa in seguito alla decisione della camera bassa del Parlamento che ha approvato una mozione contro il…

17 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, secondo i sondaggi cala l’approvazione all’operato di Joe Biden

Secondo i sondaggi americani, l’approvazione all’operato di Joe Biden è scesa a settembre al 45% rispetto al 54% di aprile. A pesare è la decisione…

17 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Rientrati i tre astronauti cinesi dopo la missione record di tre mesi

Sono rientrati i tre astronauti cinesi partiti lo scorso giugno per la stazione spaziale Tiangong. La loro missione è durata tre mesi ed è stata…

17 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: “Serve una Difesa europea”

“Il ritiro Usa dall’Afghanistan e l’accordo per la fornitura di sottomarini nucleari all’Australia da parte di Usa e Gb mostrano l’urgenza di lanciare una vera…

17 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia