Lavoro: 9,7 milioni di dipendenti in attesa di rinnovo del contratto | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: 9,7 milioni di dipendenti in attesa di rinnovo del contratto

I dati Istat: la retribuzione oraria media, rispetto al primo trimestre del 2020, è cresciuta dello 0,7%

di Redazione

Alla fine di marzo 2021, l’Istat stima che i contratti collettivi nazionali in vigore per la parte economica (30 contratti) riguardano il 21,5% dei dipendenti – circa 2,7 milioni – e un monte retributivo pari al 22,3% del totale. Nel corso del primo trimestre 2021 sono stati recepiti otto contratti: ceramiche, trasporti marittimi, telecomunicazioni, editoria giornali, lavanderia industriale, conciarie, grafiche editoriali e servizi portuali. I contratti che a fine marzo 2021 sono in attesa di rinnovo ammmontano a 43 e interessano circa 9,7 milioni di dipendenti – il 78,5% del totale – con un monte retributivo pari al 77,7%, si tratta di 300 mila lavoratori in meno rispetto al dato di fine dicembre.

A marzo 2021, il tempo medio di attesa di rinnovo per i lavoratori con contratto scaduto, rispetto a marzo 2020, è aumentato sia per i lavoratori con il contratto scaduto (da 13,9 a 22,6 mesi) sia per il totale dei dipendenti (da 11,2 a 17,7 mesi). La retribuzione oraria media, rispetto al primo trimestre del 2020, è cresciuta dello 0,7%. L’indice delle retribuzioni contrattuali orarie è invariato rispetto a febbraio 2021 ed è aumentato dello 0,6% rispetto a marzo 2020.

In particolare, l’aumento tendenziale è stato dello 0,9% per i dipendenti dell’industria, dello 0,6% per quelli dei servizi privati ed è stato nullo per quelli della pubblica amministrazione.

I settori che presentano gli aumenti tendenziali più elevati sono quelli del credito e delle assicurazioni (+2%), del legno, carta e stampa (+1,8%) e dell’edilizia (+1,6%). L’incremento è invece nullo per i settori del tessile, dell’abbigliamento e lavorazione pelli, delle industrie chimiche, del commercio, delle farmacie private, delle telecomunicazioni e della pubblica amministrazione.

«Nel primo trimestre del 2021 – è il commento dell’Istat – si registrano importanti segnali di ripresa dell’attività contrattuale, con otto contratti ratificati nell’arco dei tre mesi. È stata inoltre siglata l’ipotesi di accordo per i dipendenti dell’industria metalmeccanica, la cui riserva è stata appena sciolta, che da sempre ha assunto un ruolo di guida nella stagione dei rinnovi contrattuali. Da gennaio 2021 riprende a diminuire con continuità, seppur lentamente, la quota dei dipendenti con contratto scaduto. La dinamica salariale rimane comunque molto contenuta, a causa dell’elevato numero di contratti in attesa di rinnovo e del fatto che molti degli incrementi, negli accordi di rinnovo, sono previsti a partire dal prossimo anno».

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Mattarella: «Per sconfiggere il virus serviranno ancora prudenza, ma anche determinazione»

«Per sconfiggere il virus serviranno ancora prudenza e responsabilità nei comportamenti, ma servirà anche determinazione, iniziativa e anche coraggio d’innovazione e qualità». Così il capo…

11 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’Unione europea ha avviato una seconda azione legale contro AstraZeneca

La Commissione europea ha avviato una seconda azione legale contro AstraZeneca. «Chiediamo ad AstraZeneca la consegna entro giugno delle 90 milioni dosi che sarebbero dovute…

11 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 159 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 159.031.885. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

11 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, gli anticorpi “durano” fino a otto mesi dal contagio

Gli anticorpi, che neutralizzano il virus Sars-CoV-2, persistono nei pazienti fino ad almeno otto mesi dopo la diagnosi di Covid-19, indipendentemente dalla gravità della malattia,…

11 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia