Il mercato dello streaming musicale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il mercato dello streaming musicale

Spotify continua a crescere (in attesa delle novità annunciate nelle scorse settimane), mentre Square formalizza l’acquisizione di TIDAL

di Redazione

La società di pagamenti digitali Square, di proprietà di Jack Dorsey, CEO di Twitter, ha formalizzato il 30 aprile l’acquisizione delle quote di maggioranza di TIDAL (oltre 300 milioni di dollari), il servizio di musica in streaming di proprietà del rapper JAY-Z. L’operazione era stata annunciata a inizio marzo dalle due società. Nel 2017 JAY-Z aveva venduto il 33 per cento della società all’azienda di telecomunicazioni Sprint, poi riacquistate prima della conclusione dell’accordo con Square. Nel 2015 JAY-Z aveva acquisito la società dalla norvegese Aspiro, che l’aveva lanciata un anno prima.

TIDAL è stata tra le prime aziende dedicate allo streaming musicale a promuovere una qualità superiore (qualità CD senza perdita di dati), proponendo agli utenti nella sua versione più elevata un prezzo più alto per l’abbonamento rispetto ai principali competitor. Su quest’ultimo punto, però, la concorrenza si è messa al pari. 

Deezer e Amazon Music, ad esempio, che hanno di recente lanciato la loro versione HiFi. E anche Spotify, a febbraio, ha annunciato – dopo anni di voci al riguardo – che entro la fine dell’anno proporrà, in mercati selezionati, il nuovo servizio Spotify HiFi, che permetterà di ascoltare musica in qualità da CD, in formato lossless.  

Spotify era rimasta uno delle poche piattaforme di streaming musicale (insieme ad Apple Music, che però sviluppa un altro tipo di tecnologia) senza la possibilità dell’ascolto in alta fedeltà. L’Hi-Fi, dunque, era stata fin qui una prerogativa di TIDAL, che ha introdotto inoltre la qualità Master (un tipo di formato che, secondo la società, permette agli abbonati di ascoltare la musica proprio come è stata registrata in studio) e altre piattaforme, tra cui Qobuz, più indicata per veri e propri audiofili.

Eppure queste differenze non hanno impedito a Spotify – che negli anni ha fatto dei podcast il suo punto di forza – di mantenere il primato nel mercato dello streaming musicale. TIDAL non è riuscita a replicare il medesimo successo – al netto di una maggiore qualità, video, album e contenuti in esclusiva –, mentre Spotify può contare a fine marzo su 356 milioni di utenti e sull’aumento del 21% del numero di abbonati (158 milioni) in un anno. La piattaforma ha perciò chiuso il primo trimestre con un fatturato pari a 2,15 miliardi di euro, in crescita del 16% rispetto allo stesso periodo del 2020. In più, dopo diversi trimestri in perdita, mette a segno un utile netto di 23 milioni di euro.

 

Scrivi una replica

News

Corea del Nord, Kim: «Situazione alimentare tesa»

Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha ammesso che la situazione alimentare nel paese è «tesa», secondo quanto riferito dai media statali. Secondo l’agenzia ufficiale Kcna,…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Covid, Francia: anticipata la fine del coprifuoco: la misura verrà interrotta il 20 giugno

La Francia anticipa la fine del coprifuoco di dieci giorni, dalla fine del mese al 20 giugno. Ad annunciato, al termine del Consiglio dei ministri,…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Ue dà l’ok al ritorno dei turisti americani anche non vaccinati

L’Ue apre le porte ai turisti americani anche non vaccinati. Le limitazioni cadranno anche per altri 8 Paesi: Albania, Macedonia del Nord, Serbia, Libano, Taiwan,…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2020 cresce povertà assoluta, 5,6 mln, top da 2005”

“Nel 2020, sono in condizione di povertà assoluta poco più di due milioni di famiglie (7,7% del totale da 6,4% del 2019) e oltre 5,6…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia