Perché le criptovalute sono finite nell’occhio del ciclone | T-Mag | il magazine di Tecnè

Perché le criptovalute sono finite nell’occhio del ciclone

La volatilità mostrata negli ultimi tempi dalle monete virtuali sta facendo crescere la necessità di una regolamentazione che tuteli gli investitori. La Cina ha fatto un primo passo per correre ai ripari, in Europa e in America si sta pensando ad una soluzione 

di Matteo Buttaroni

Il Bitcoin è finito al centro del ciclone negli ultimi giorni, e con esso anche le altre criptovalute, comportandone un crollo delle quotazioni. Tutto è iniziato, come è successo altre volte, in seguito ad una decisione presa dall’eccentrico magnate Elon Musk e comunicata con il megafono di internet: in un tweet il Ceo di Tesla ha annunciato che la casa automobilistica non avrebbe più accettato pagamenti in Bitcoin fino a quando non saranno prodotti usando meno combustibili fossili. 

Di conseguenza il valore di un singolo Bitcoin è scivolato da circa 50 mila dollari (un valore a cui era arrivato dopo aver macinato record su record proprio dopo la decisione di Tesla di accettarli come forma di pagamento) a circa 30-35mila. Una curiosità: il giorno prima dell’annuncio della decisione di non accettare più Bitcoin come forma di pagamento, Musk fece un sondaggio, sempre su Twitter, chiedendo ai suoi follower un parere riguardo l’utilizzo di Dogecoin (una criptovaluta minore, nata quasi per scherzo nel 2013 e che oggi, con 50 miliardi di capitalizzazione, figura nella Top 5 delle monete virtuali) come forma di pagamento, ottenendo il 78% di giudizi positivi. In seguito al sondaggio la moneta virtuale registrò una crescita record, salvo poi crollare insieme alle altre monete virtuali nell’arco degli ultimi giorni.

Un altro fattore che ha concorso a far scendere le valutazioni è stata la linea dura ribadita dalla Cina. In particolare la PboC ha di fatto vietato alle istituzioni finanziarie del paese di fornire servizi legati alle transazioni in criptovalute per via della volatilità degli strumenti. In una nota pubblicata congiuntamente le tre associazioni finanziarie China Internet Finance Association, China Banking Association e China Payment and Clearing Association hanno osservato come «di recente i valori delle criptovalute sono schizzati e crollati e il trading speculativo è ripreso, infrangendo la sicurezza delle proprietà delle persone e interrompendo il normale ordine economico e finanziario» e che di conseguenza, come stabilito dalla PboC «non devono fornire ai clienti direttamente o indirettamente altri servizi relativi alle valute virtuali».

Recentemente anche la Consob e la Banca D’Italia hanno lanciato un monito agli investitori «sugli elevati rischi connessi con l’operatività in cripto-attività (crypto-asset) che possono comportare la perdita integrale delle somme di denaro utilizzate» e così hanno fatto anche  l’Eba, l’Esma ed l’Eiopa, le tre autorità di supervisione europee. 

In attesa di una regolamentazione europea, auspicata anche da Bankitalia e da Consob, che segnalano come «l’acquisto di cripto-attività non sia soggetto alle norme in materia di trasparenza dei prodotti bancari e dei servizi di investimento e continua a essere sprovvisto di specifiche forme di tutela; segnatamente dette attività non sono soggette a nessuna forma di supervisione o di controllo da parte delle Autorità di vigilanza», una stretta è pervenuta anche dal Tesoro statunitense, secondo il quale le «criptovalute pongono significativi problemi di tracciamento in quanto facilitano l’attività illegale, inclusa l’evasione fiscale». In particolare il dipartimento del Tesoro americano ha proposto di far segnalare all’Internatioan Revenue Service – l’Agenzia delle entrate statunitense – tutti i trasferimenti in criprtovalute superiori ai 10 mila dollari.    

 

Scrivi una replica

News

Bce: “Ripresa si rafforza ma rimane l’incertezza legata alle varianti”

“L’economia dell’area euro sta gradualmente ripartendo ed è atteso un netto miglioramento nella seconda metà del 2021, via via che i progressi nelle campagne di…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Taiwan: “Dobbiamo prepararci ad un possibile conflitto con la Cina”

“Taiwan deve prepararsi ad un possibile conflitto armato con la Cina”. Lo ha affermato il ministro degli Esteri taiwanese, Joseph Wu, citando la crescente intimidazione…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Miami, crolla palazzo condominiale: si temono diverse vittime

A Miami, più precisamente a Surfside, è crollato un palazzo condominiale nel corso della notte dì mercoledì 23 giugno. Al momento non è ancora chiaro…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, ultima dichiarazione della Merkel al Bundestag

Nella giornata di giovedì 24 giugno, Angela Merkel ha sostenuto la sua ultima dichiarazione governativa al Bundestag, dopo 16 anni da cancelliera. L’ultimo discorso è…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia