Famiglie, reddito in calo per una su tre | T-Mag | il magazine di Tecnè

Famiglie, reddito in calo per una su tre

Secondo il Rapporto Agi/Censis, “Il lavoro inibito: l’eredità dopo la pandemia”, per il 5,5% delle famiglie il reddito si è dimezzato

di Redazione

L’Istat, nel report “Conto trimestrale delle amministrazioni pubbliche, reddito e risparmi delle famiglie e profitti delle società”, relative al quarto trimester del 2020 aveva già segnalato un calo medio del reddito disponibile lordo delle famiglie dell’1,8% a fine 2020 rispetto al trimestre precedente e una diminuzione del 2,7% rispetto allo stesso periodo di un anno prima. Sabato, nel Rapporto “Il lavoro inibito: l’eredità dopo la pandemia”, AGI e Censis sono entrati ancor più nel dettaglio, spiegando che in media, a causa della pandemia e delle misure restrittive attuate per limitare i contagi da coronavirus, una famiglia italiana su tre ha accusato una riduzione del reddito nell’arco dell’ultimo periodo.

Secondo lo studio, il 5,5% dei nuclei familiari italiani ha subìto una riduzione del 50% rispetto al periodo pre pandemico, mentre quasi una famiglia su dieci (più precisamente il 9,1%) ha riscontrato un calo del reddito compreso tra il 25 ed il 50%. Per il 16%, invece, il Rapporto segnala una riduzione inferiore al 25%.

Il 43,2% dei lavoratori autonomi, emerge dal Rapporto, ha dichiarato invariato il proprio reddito rispetto a prima della pandemia, contro il 66,5% dei lavoratori dipendenti. Stando a quanto riportato dal Censis in un comunicato stampa «se si sommano le famiglie che hanno comunque riscontrato una perdita di reddito, quelle dei lavoratori dipendenti raggiungono il 27,9%, ma la percentuale raddoppia tra quelle dei lavoratori autonomi (54,7%)».

«Già prima della pandemia – si legge ancora -, il «lavoro povero» (con meno di 9 euro all’ora) riguardava quasi 3 milioni di occupati, di cui il 53,3% era rappresentato da uomini e il 46,7% da donne. Si trattava di oltre un milione di lavoratori giovani (con meno di 30 anni) e di 1,4 milioni con un’età tra i 30 e i 49 anni. Il 79% apparteneva alla categoria degli operai (2,3 milioni) e il 12,3% a quella degli impiegati».

 

Scrivi una replica

News

Colpo di Stato in Sudan, arrestato il primo ministro

Colpo di Stato in Sudan, dove i militari hanno arrestato il primo ministro Abdalla Hamdok, oltre ad alcuni membri civili del consiglio sovrano di transizione…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, casi in aumento anche in Germania

L’aumento dei contagi in Germania – il Robert Koch Institut ha segnalato una crescita dell’incidenza settimanale su 100 mila abitanti passata a 110,1 – sta…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Turchia, record negativo lira dopo espulsione ambasciatori

La lira turca ha toccato un nuovo record negativo dopo l’espulsione ordinata dal presidente Recep Tayyip Erdogan di dieci ambasciatori occidentali nel paese, tra i…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

«A livello globale, 4,5 miliardi di persone sono iscritte ai social network»

Ad ottobre 2021, il numero degli utenti a livello mondiale dei social media ha raggiunto quota 4,5 miliardi. Lo rende noto rapporto Digital 2021 October…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia