Salgono ancora i prezzi. Confcommercio: «Effetti su potere d’acquisto» | T-Mag | il magazine di Tecnè

Salgono ancora i prezzi. Confcommercio: «Effetti su potere d’acquisto»

L’Istat per il mese di maggio segnala un aumento dei prezzi dell’1,3% tendenziale. Secondo la Confcommercio non «vanno trascurati i potenziali effetti, depressivi sul potere d’acquisto, derivanti dall’importazione di forti impulsi inflazionistici».

di Redazione

L’Istat ha confermato le stime preliminari: a maggio l’indice nazionale dei prezzi al consumo è rimasto stabile rispetto al mese precedente ed è aumentato dell’1,3% rispetto al maggio del 2020, accelerando rispetto al +1,1% del mese precedente. Un risultato, il quinto segno “più“ consecutivo, che ha riportato l’inflazione a livelli che non si vedevano dal 2018.

L’accelerazione tendenziale dell’inflazione, spiega l’Istituto nazionale di statistica, si deve essenzialmente ai prezzi dei beni energetici, la cui crescita passa da +9,8% di aprile a +13,8% a causa dei prezzi della componente non regolamentata (che accelerano da +6,6% a +12,6%) mentre quelli della componente regolamentata continuano a registrare un forte incremento, ma stabile (+16,8% come ad aprile).

Tale dinamica è solo in parte compensata dalla frenata dei prezzi dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona la cui crescita (+0,7% ad aprile) si azzera. Per quanto riguarda il carrello della spesa, l’Istat segnala un nuovo rallentamento dei prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona, da -0,7% a -0,9%, mentre indica un accelerazione, dal +1% al +1,4% per i prodotti ad alta frequenza di acquisto.


Commentando i dati, l’ufficio studi della Confcommercio, spiega che «il ruolo degli energetici nel determinare le dinamiche inflazionistiche è ben rappresentato dal divario sempre più ampio tra inflazione complessiva e quella rilevata per la componente di fondo, che rimane stabile allo 0,3% nel confronto annuo e segnala una dinamica negativa in termini congiunturali», ed è proprio questo fattore che rappresenta uno degli «elementi più positivi, soprattutto per il mantenimento di politiche monetarie espansive». Tuttavia, avverte l’associazione di categoria «non vanno trascurati i potenziali effetti, depressivi sul potere d’acquisto, derivanti dall’importazione di forti impulsi inflazionistici».

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms-Ecdc: «Variante Delta dominante in gran parte dell’Europa»

La variante Delta della Sars-CoV-2 «si sta diffondendo rapidamente in tutta Europa ed è ora diventata il ceppo dominante in gran parte della regione». Lo sostengono…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia, l’indice Rt sopra quota 1 per la prima volta dal 26 marzo

In Italia, l’indice Rt si è attestato a 1,26, in crescita rispetto allo 0,91 della scorsa settimana. È quanto emerge dalla cabina di regia per…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 192,7 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 192.735.392. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Xi Jinping in Tibet promette «una nuova era»

«Una nuova era» e «un nuovo capitolo di stabilità duratura e di sviluppo di alta qualità per la regione»: è quanto ha voluto assicurare il…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia