Lo smart working? Crescerà ancora in futuro | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lo smart working? Crescerà ancora in futuro

Lo sostiene una ricerca del Politecnico di Milano: almeno 4,38 milioni di lavoratori opereranno in parte da remoto

di Redazione

Nel 2020, con lo scoppio della pandemia, migliaia di imprese hanno fatto ricorso allo smart working. Milioni i lavoratori coinvolti. Con il miglioramento della situazione epidemiologica – il rispetto delle misure restrittive e i vaccini hanno contribuito molto in questo senso –, l’uso del lavoro agile ha registrato una netta flessione: nel terzo trimestre del 2021, gli smart worker erano 4,07 milioni, in calo rispetto ai 5,37 milioni del primo trimestre dello stesso anno. Una ricerca realizzata dall’Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano, presentata in questi giorni durante il convegno Rivoluzione Smart Working: un futuro da costruire adesso, sostiene però che potremmo assistere ad una nuova inversione di tendenza. 

Secondo alcune previsioni riportate nello studio, infatti, nel prossimo futuro almeno 4,38 milioni di lavoratori opereranno in parte da remoto (+8%), di cui 2,03 milioni nelle grandi imprese, 700 mila nelle piccole e medie imprese, 970 mila nelle micro-imprese e 680 mila nella Pubblica amministrazione. L’Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano aggiunge che il lavoro agile resterà (o sarà introdotto) nell’89% delle grandi aziende, dove aumenteranno sia i progetti strutturati sia quelli informali, nel 62% delle PA e nel 35% delle PMI. 

Dall’analisi dei dati emerge una crescita evidente dello smart working: ad oggi esistono progetti di smart working strutturati o informali nell’81% delle grandi imprese (contro il 65% del 2019), nel 53% delle PMI (nel 2019 erano il 30%) e nel 67% delle PA (contro il 23% del periodo precedente l’emergenza sanitaria). 
A tale proposito, c’è da ricordare che sono diversi i fattori in ballo che determineranno il lavoro del futuro. A partire proprio dallo smart working (lavoro agile propriamente detto, da non confondere, cioè, con il lavoro da casa) o dalle formule ibride, vale a dire un mix tra lavoro da remoto e in ufficio.

 

Scrivi una replica

News

«In Italia vanno persi due metri quadri di suolo ogni secondo»

Due metri quadri. A tanto ammonta il suolo perso dall’Italia ogni secondo. Lo denuncia il Wwf – il World Wide Fund for Nature, un’organizzazione internazionale…

5 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, esplosioni in due aeroporti militari

Un drone ha colpito oggi la pista della base aerea russa di Engels-1, nella regione di Saratov, danneggiando due bombardieri Tu-95. Un altro drone, invece,…

5 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «1 su 5 subirà il taglio del reddito di cittadinanza»

«La riduzione della durata del Reddito di cittadinanza nel 2023 colpirà circa 846 mila individui, vale a dire poco più di un beneficiario su cinque»:…

5 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ponte 8 dicembre, in viaggio oltre 13 milioni

Saranno oltre 13 milioni le persone in viaggio verso destinazioni turistiche italiane durante il ponte dell’Immacolata.E’ quanto emerge dall’indagine condotta da Cna Turismo e Commercio…

5 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia