La pandemia ha pesato più sulle madri che sui padri | T-Mag | il magazine di Tecnè

La pandemia ha pesato più sulle madri che sui padri

Lo rileva l’OCSE sottolineando che le donne si sono fatte carico della maggior parte del caregiving domestico

di Redazione

La pandemia ha stravolto la quotidianità senza risparmiare nessuno. Su alcuni, però, le ripercussioni sono state più significative. A denunciarlo è l’OCSE, l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo economico, sottolineando che in ambito familiare la maggior parte del peso del lavoro domestico e dell’accudimento è stato scaricato sulle madri. Inevitabili le conseguenze anche sulla sfera lavorativa/professionale. Specie per chi ha figli molto piccoli.

Un’indagine Ocse rivela infatti che, con le scuole di ogni ordine e grado chiuse e figli a casa per via dell’emergenza sanitaria, le madri dei bambini under 12 si sono occupate mediamente tre volte più dei padri della maggior parte (o completamente) del “caregiving” domestico. O almeno questo è quanto ha dichiarato il 61,5% delle madri – vs. il 22,4% rilevato tra i padri – che hanno partecipato alla rilevazione. Si tratta di una media tra tutti i Paesi coinvolti.

In Italia, il peso del lavoro familiare è stato distribuito leggermente meglio, sebbene il gap rimanga ancora notevole: 54% vs. 24%.

Nel sottolineare questo divario, l’OCSE nota anche che generalmente le donne con bambini minori di 12 anni sono state il gruppo che con maggiore frequenza ha perso il posto di lavoro rispetto alle donne che non hanno figli o con figli più grandi e agli uomini.

 

Scrivi una replica

News

Inflazione, Coldiretti: su aumenti frutta e verdura pesa la siccità

La siccità con il taglio dei raccolti spinge l’inflazione nel carrello della spesa con aumenti che vanno dal +10,8% per la frutta al +11,8% della…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, scatta il rinnovo del programma “Roam-like-at-home” fino al 2032

Nell’Unione europea niente roaming a pagamento fino al 2032. Lo prevede il nuovo regolamento Ue che entra in vigore oggi, venerdì 1° luglio 2022, estendendo…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Oltre un giovane su due è preoccupato per il futuro»

Si dice «incerto» o «preoccupato» per il proprio futuro, il 52,7% degli adolescenti italiani tra i 13 e i 19 anni. Lo rivela l’indagine nazionale…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Stoltenberg: «A Kiev servono armi più pesanti, equipaggiamento più moderno»

All’Ucraina servono «più armi pesanti, equipaggiamento più moderno, che devono essere consegnati più velocemente». Lo ha detto il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, intervenendo nel corso di…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia