«Monitor Italia», il consenso ai partiti e la fiducia nel governo | T-Mag | il magazine di Tecnè

«Monitor Italia», il consenso ai partiti e la fiducia nel governo

Il Pd consolida il primo posto, ma brusco calo del M5s. Il 63% degli intervistati vorrebbe Draghi ancora a capo del governo: i risultati dell’ultimo sondaggio Tecnè-Dire

di Redazione

Con una crescita dello 0,8%, il Pd si consolida primo partito (ora al 21,7%), mentre Fratelli d’Italia cresce dello 0,2%, ma si ferma al 20,6% e la Lega si attesta al 18,4% (+0,2%). È quanto emerge dall’ultimo Monitor Italia di Tecnè per l’Agenzia Dire, diffuso il 18 dicembre 2021. Perde consensi il M5s che registra una flessione dello 0,7%, collocandosi ora al 14,4%. Inoltre, se si votasse oggi, Forza Italia raccoglierebbe l’8,8% dei favori (+0,1%), Azione si attesterebbe al 3% (-0,2%), Italia Viva al 2,1% (-0,3%), Sinistra italiana al 2% (-0,1%), Verdi all’1,9% (+0,1%), Art.1-Mdp all’1,7% (+0,1%) e +Europa all’1,6% (-0,1%). Gli altri partiti raccoglierebbero il 3,8% delle preferenze. L’area dell’astensione/incerti si attesta al 42,8% (dichiara il voto il 57,2% del campione).

Il trend delle coalizioni

Nonostante l’aumento registrato dal Partito democratico, a livello di coalizioni il centrodestra allunga ancora sul centrosinistra. Quest’ultimo sale dal 39,4% al 39,7%, ma il centrodestra si attesta al 49,2% dal precedente 48,7%. Scende al 6,7% l’area di riferimento di Italia Viva, Azione e +Europa.

La fiducia nel presidente della Repubblica

Sale ancora la fiducia nei confronti del capo dello Stato, Sergio Mattarella, che ora si attesta al 75,5%.

La fiducia nel presidente del Consiglio e nel governo

La fiducia degli italiani nel premier, Mario Draghi, si attesta al 64,3%, in lieve crescita rispetto alla scorsa settimana. Peggiora invece, seppur di poco, l’indice di fiducia nei confronti del governo, che passa dal 54,3% al 54,1%.

Mario Draghi: presidente della Repubblica o capo dello Stato?

Il 63% degli intervistati da Tecnè ritiene più utile la permanenza di Mario Draghi a Palazzo Chigi che non in un altro ruolo istituzionale quale può essere il futuro capo dello Stato, in vista dell’ormai imminente elezione del successore di Sergio Mattarella. Una convinzione trasversale, che investe oltre il 60% di coloro che si dichiarano appartenenti ad una particolare area politica di riferimento. Tra quanti dichiarano il voto ad Azione, Italia Viva e +Europa, la quota di chi preferirebbe Draghi presidente del Consiglio raggiunge l’80%. 

NOTA METODOLOGICA
Campione rappresentativo della popolazione maggiorenne residente in Italia, articolato per sesso, età, area geografica 
Estensione territoriale: intero territorio nazionale 
Interviste effettuate il 17 dicembre 2021 con metodo cati – cawi 
Margine di errore: 3,1% sull’intero campione 
Totale contatti: 7.118 (100%) – rispondenti: 1.000 (14%) – rifiuti/sostituzioni: 6118 (86%)
Soggetto che ha realizzato il sondaggio: Tecnè srl 
Committente: Agenzia Dire Il documento completo sul sito: sondaggipoliticoelettorali.it

 

1 Commento per “«Monitor Italia», il consenso ai partiti e la fiducia nel governo”

Scrivi una replica

News

Istat:”A novembre produzione nelle costruzioni +1,0% su base mensile e +13,2% su base annua”

“A novembre 2021 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni aumenti dell’1,0% rispetto a ottobre. Nella media del trimestre settembre-novembre 2021 la produzione nelle…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Von der Leyen: “Pandemia ha dimostrato forza delle democrazie”

“La domanda è: le nostre democrazia sono abbastanza forti e veloci per affrontare l’incredibile sfida del Covid-19? Possono mettere agire? Io non ho dubbio. La pandemia non solo…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Austria vota per obbligo vaccinale per adulti. Primo Paese in Ue

L’Austria è il primo Paese Ue a votare in Parlamento l’obbligo vaccinale anti-Covid per gli adulti. Con molta probabilità la misura passerà dato che anche…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ministro salute Germania: “A febbraio rischiamo centinaia di migliaia di casi”

In Germania si rischiano centinaia di migliaia di nuovi casi di infezione al giorno entro metà febbraio. A lanciare l’allarme è stato il ministro della…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia