La transizione digitale secondo gli italiani | T-Mag | il magazine di Tecnè

La transizione digitale secondo gli italiani

Dalla Pubblica amministrazione all’e-commerce, così la pandemia ha contribuito a ridisegnare usi e abitudini dei cittadini

di Redazione

Come abbiamo già avuto modo di osservare, basandoci anche sulle rilevazioni del Censis contenute nell’ultimo Rapporto sulla situazione sociale del paese, il mondo digitale ha ottenuto una spinta incredibile durante i momenti più duri del lockdown e della pandemia in generale. Come appunto spiega il Censis, a più di un italiano su due le tecnologie digitali hanno consentito di provvedere alle proprie necessità (58,6%), di mantenere le relazioni sociali (55,3%) e di continuare a lavorare o studiare (55,2%). Eppure sono tanti gli interrogativi, al riguardo, che permangono ancora oggi. Quali sono gli elementi che caratterizzeranno di più la transizione digitale?

Il Censis la definisce, appunto, l’alba di una nuova transizione digitale: «Mettersi in rete – spiega – ha consentito di spezzare l’assedio durante il lockdown e le attività quotidiane mediate da internet hanno registrato un incremento consistente». Tra queste: cercare informazioni su aziende, prodotti, servizi (lo fa il 64,9% degli utenti di internet), trovare strade o località (54,3%), fare acquisti online (51,6%), ascoltare musica (48,1%), svolgere operazioni bancarie (46,6%). Nel confronto con il 2019, la crescita più rilevante riguarda tre ambiti: frequentare corsi scolastici, universitari o di formazione (+8,9% rispetto al 2019), prenotare visite mediche (+4,8%) e l’e-commerce (+3,5%). Al contrario, a causa delle restrizioni alla mobilità, è diminuita la ricerca di strade e località tramite i dispositivi digitali (-15,2%) e la prenotazione di viaggi (-13,2%).

Arrivati a questo punto, cosa resterà dopo lo stato d’eccezione? Stando alle rilevazioni del Censis, il 38,1% degli italiani desidera la diffusione di servizi e app che permettano di ottenere certificati e documenti con un clic. Anche dopo la pandemia, la PA digitale è considerata infatti irrinunciabile. Seguono l’e-commerce (29,9%), il conto corrente online (24,3%) e l’home delivery (24,2%) come opportunità di cui non si potrà più fare a meno. Per il 20,2% è lo smart working a essere intoccabile (e il dato sale al 28,6% tra i 30-44enni). Quasi la metà della popolazione (il 48,7%) ha già attivato l’identità digitale Spid, ma i divari sociali e territoriali pesano ancora molto. Le percentuali più elevate di utenti si registrano nelle grandi aree metropolitane (59,5%) e tra le persone dotate di titoli di studio più alti (tra i diplomati e i laureati si sale al 61,6%). Invece i picchi più bassi di utenti Spid si riscontrano al Sud (40,2%) e tra gli anziani (32,1%).

 

Scrivi una replica

News

Quirinale: fumata nera alla terza votazione

Fumata nera alla terza votazione per l’elezione del prossimo presidente della Repubblica. Le schede bianche sono state 412. Il capo dello Stato uscente Sergio Mattarella…

26 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, occupazione intensive sale al 18% in Italia

Sale al 18%, in Italia, la percentuale di terapie intensiva occupate da pazienti Covid e, a livello giornaliero, il tasso cresce in 6 regioni: Abruzzo (21%),  alabria(17%), Campania(13%),…

26 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Russia 74mila nuovi contagi

Per il sesto giorno consecutivo la Russia registra un record di contagi da coronavirus: infatti nelle ultime 24 ore 74mila casi.…

26 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, amministrazione Biden ritira l’obbligo vaccinale nelle imprese

L’amministrazione Biden ritira formalmente l’obbligo di vaccino anti covid o di test regolari per le imprese con più di 100 impiegati. L’annuncio è apparso sul…

26 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia