Europa sempre più “curiosa” verso le criptovalute | T-Mag | il magazine di Tecnè

Europa sempre più “curiosa” verso le criptovalute

Lo dice una ricerca di Qualtrics, secondo cui nel Vecchio continente il 18% di chi non le possiede ancora, ha intenzione di acquistarle nel 2022

di Redazione

Da qualche anno, ormai, sentiamo parlare di criptovalute e mai come nel 2021 appena trascorso questo tipo di settore finanziario e tecnologico ha preso particolarmente piede. Ma quando parliamo di criptovalute cosa intendiamo? Cripto significa “nascosto” e proprio per questo la criptovaluta, che è una valuta virtuale (la più nota è il Bitcoin), è visibile e utilizzabile solo conoscendo un determinato codice informatico e si scambia solo per via telematica. La criptovaluta può essere scambiata senza intermediari e può essere utilizzata per acquistare beni e servizi, proprio come se fosse una moneta legale a tutti gli effetti. 

Photo by André François McKenzie on Unsplash

Esistono tre tipi di criptovaluta: chiusa, unidirezionale e bidirezionale. Ad esempio il Bitcoin è bidirezionale perché può essere convertita con le principali valute ufficiali e viceversa. Ma che differenza c’è tra una moneta virtuale e una legale? La moneta virtuale non ha corso legale in nessun posto del mondo e può essere accettata come mezzo di pagamento su una base volontaria, soprattutto se non sono regolate da enti centrali governativi. La criptovaluta è controllata dall’ente emittente e la gestisce con regole proprie. 

Eppure il mondo delle valute digitali sta attirando su di sé sempre di più la curiosità degli investitori, anche e soprattutto in Europa, dove il 18% di chi non le possiede ancora, ha intenzione di acquistarle nel 2022, secondo quanto emerge dalla ricerca di Qualtrics, che ha intervistato più di ottomila consumatori residenti nei maggiori mercati europei. Stando alla ricerca, tra le più grandi economie del Vecchio continente, il 47% dei consumatori intervistati, ne ha già parlato con amici o familiari. Il 58% degli italiani, ad esempio, ne è a conoscenza e il 29% degli intervistati le possiede o le ha possedute. In Spagna e Belgio si registra il più alto tasso di investitori, rispettivamente con il 46% e il 38% del campione. 

Dallo studio emerge anche che più i clienti acquistano consapevolezza delle valute digitali e più sono propensi a comprarne. Discorso valido anche in Italia, dove il 54% degli investitori intende aumentare le proprie quote detenute in portafoglio già dal 2022. Dal 2019 ad oggi si registra il maggior numero di investimenti: il 49% del totale. Questo nuovo mondo di valute digitale ha aumentato l’incertezza nei confronti delle istituzioni finanziarie tradizionali, con spagnoli e italiani che hanno manifestato il minor grado di fiducia, rispettivamente con il 45% e il 38% del campione. 

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: nell’ultima settimana ricoveri triplicati tra i bambini

Nell’ultima settimana circa 400 bambini tra i 5 e gli 11 anni sono stati ricoverati a causa del Covid-19. Il dato è triplicato rispetto ai…

24 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Wikileaks: Assange potrà fare ricorso contro l’estradizione

Julian Assange, fondatore di Wikileaks, potrà fare ricorso alla Corte Suprema britannica contro la sua estradizione negli Usa. Lo ha deciso l’Alta Corte di Giustizia…

24 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Burkina Faso: i militari hanno arrestato il presidente Kaboré

Il presidente del Burkina Faso, Faso Roch Marc Christian Kaboré, 64 anni, stato arrestato da alcuni militari che hanno fatto irruzione nella sua residenza a…

24 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Papa: “Impatto Covid su educazione e giovani”

“In questo momento, nel quale la pandemia di Covid-19 ha prodotto una crisi dai molteplici aspetti, in particolare un forte impatto sull’educazione e sui giovani, vi invito a…

24 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia