Le prospettive economiche delle famiglie | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le prospettive economiche delle famiglie

Lo studio Tecnè: senza significative variazioni del tasso d’inflazione rispetto al 2021, la stima per il 2022 è di una crescita dei consumi del +5%. Ma con un tasso d’inflazione al 5% le ricadute sui bilanci familiari sarebbero pesanti

di Redazione

Un elevato aumento dei prezzi al consumo, spinti dalla crescita dei costi energetici, potrebbe causare un rallentamento del ritorno dei livelli pre-pandemia dei consumi. È quanto emerge dallo studio Tecnè, Prospettive economiche delle famiglie italiane per il 2022. Nel 2021, spiega Tecnè, la spesa media mensile delle famiglie per l’acquisto di beni è servizi, al netto del computo degli affitti figurativi, è cresciuta del +7%. Nel complesso, gli italiani hanno speso circa 38 miliardi di euro in più rispetto al 2020. A sostenere la ripresa dei consumi hanno contribuito l’allentamento delle restrizioni dettate dall’emergenza sanitaria e il parziale recupero dei redditi delle famiglie (+1,1%) dopo il netto calo registrato nel 2020 (-2,6%). A far crescere i consumi più velocemente dei redditi ha contribuito il miglioramento della fiducia economica che ha spinto le famiglie a ridurre la quota di risparmio cautelativo. Senza significative variazioni del tasso d’inflazione rispetto al 2021, la stima per il 2022 è di una crescita dei consumi del +5%, riportando i livelli della spesa su valori prossimi a quelli del 2019. La crescita attesa equivale a circa 30 miliardi di euro in più rispetto al 2021

Il ritorno ai livelli pre-pandemia – prosegue a tale proposito Tecnè – potrebbe far registrare, però, un deciso rallentamento a fronte di un elevato aumento dei prezzi al consumo, spinti dalla crescita dei costi energetici. Per il 2022 la stima è di un tasso d’inflazione medio compreso tra +4,5% e +5,5%. Con un tasso d’inflazione medio pari al +5% le ricadute sui bilanci familiari sarebbero pesanti: a parità di volume d’acquisto, le maggiori spese sarebbero pari a 1.464 euro l’anno in più a famiglia mentre per una famiglia di cinque persone (due genitori e tre figli) il tradizionale carrello della spesa costerebbe oltre 2.000 euro in più l’anno. Le conseguenti strategie di contenimento potrebbero portare a una frenata della dinamica positiva dei consumi che ridurrebbe la crescita attesa dal +5% al +2%.

Il carrello della spesa

Nel 2021 la spesa media mensile delle famiglie, al netto del computo degli affitti figurativi, è cresciuta del +7%, dopo la contrazione registrata nel 2020 (-12%). Nel complesso, gli italiani hanno speso circa 38 miliardi di euro in più rispetto al 2020 grazie alla ripresa dei consumi non alimentari. Il recupero, però, è stato parziale e la spesa delle famiglie è ancora sotto i livelli del 2019 per circa 36 miliardi di euro. Il maggiore incremento della spesa è stato nel nord est, nelle coppie senza figli della classe d’età 35-64 anni e in quelle dove la persona di riferimento è un lavoratore dipendente con un inquadramento alto o medio.

Redditi e fiducia economica

A sostenere la ripresa dei consumi hanno contribuito l’allentamento delle restrizioni dettate dall’emergenza sanitaria e il parziale recupero dei redditi delle famiglie (+1,1%) dopo il netto calo registrato nel 2020 (-2,6%). In termini reali la contrazione dei redditi tra il 2020 e il 2019 è stata di -29.5 miliardi di euro. Di questi solo 11.5 miliardi sono stati recuperati nel corso del 2021. A far crescere i consumi più velocemente dei redditi ha contribuito il miglioramento della fiducia economica, sia dal punto di vista della valutazione della condizione attuale, sia in termini di attese per i prossimi 12 mesi. Il miglioramento della fiducia economica ha spinto le famiglie a ridurre la quota di risparmio cautelativo, in calo di cinque punti percentuali rispetto al 2020.

Prospettive per il 2022

Se il tasso di inflazione si mantiene sui livelli del 2021 (+1,9%) la stima è di una crescita dei consumi pari al +5% rispetto all’anno precedente, riportando i livelli della spesa delle famiglie per beni e servizi su valori prossimi a quelli del 2019. L’incremento equivale a circa 30 miliardi di euro in più rispetto al 2021. Il ritorno ai livelli pre-pandemia potrebbe, però, far registrare una forte frenata a fronte di un elevato aumento dei prezzi al consumo, spinti dalla crescita dei costi energetici. Per il 2022 la stima è di un tasso d’inflazione medio annuo compreso tra +4,5% e +5,5%. Con un tasso d’inflazione al 5% le ricadute sui bilanci familiari sarebbero pesanti. A parità di volume d’acquisto, le maggiori spese sarebbero pari a 1.464 euro l’anno in più a famiglia. Il tasso d’inflazione non si scaricherebbe con la stessa intensità su tutte le tipologie familiari, ma avrebbe impatti maggiori su famiglie di pensionati, su quelle numerose e su quelle a reddito basso e medio-basso. Per una famiglia di cinque persone (due genitori e tre figli) il carrello della spesa, a parità di acquisti di beni e servizi, potrebbe crescere di oltre 2.000 euro l’anno. Le conseguenti strategie di riequilibrio dei bilanci familiari inciderebbero in modo significativo sull’acquisto di beni e servizi comprimibili, determinando una frenata alla dinamica positiva dei consumi che ridurrebbe la crescita attesa, in termini reali, dal +5% al +2%.

Sfoglia il rapporto in pdf

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Di Maio: «L’Italia non pone veti sul sesto pacchetto di sanzioni»

«L’Italia non pone veti» sul prossimo pacchetto sanzionatorio contro la Russia. Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, oggi a Bruxelles per il Consiglio…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Ingresso di Svezia e Finlandia nella nato sarebbe un grosso errore con conseguenze»

«L’adesione di Svezia e Finlandia alla Nato sarebbe un errore con conseguenze di vasta portata e un cambio radicale dello scenario globale». E’ quanto detto…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Nessun preparativo per colloqui Putin-Biden»

Il vice ministro degli Esteri russo, Sergey Ryabkov, ha reso noto che non è in atto nessun preparativo per un eventuale colloquio tra il presidente…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Borrell: «Su embargo petrolio russo non posso garantire accordo»

«Faremo il massimo per sbloccare la situazione, ma non posso garantire che si arrivi ad un accordo perché le posizioni sono abbastanza forti: il mio…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia