Commercio estero: a gennaio export +5,3%, prezzi all’import +3% su dicembre | T-Mag | il magazine di Tecnè

Commercio estero: a gennaio export +5,3%, prezzi all’import +3% su dicembre

Dopo la battuta d’arresto di dicembre, le esportazioni segnano un nuovo aumento su base mensile. Il saldo commerciale è pari a -5.052 milioni di euro, si amplia il deficit energetico

di Redazione

A gennaio 2022, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni (+5,3%) dovuto all’incremento delle vendite verso entrambe le aree, UE (+5,1%) ed extra UE (+5,4%). Anche nel trimestre novembre 2021-gennaio 2022, rispetto al precedente, l’export risulta in crescita (+4,7%). Le importazioni dall’area UE diminuiscono del 4,3%, mentre nel trimestre novembre 2021-gennaio 2022, aumentano del 9,1% rispetto ai tre mesi precedenti.

A gennaio 2022, l’export aumenta su base annua del 22,6%, la crescita è più sostenuta verso l’area UE (+25,5%) rispetto ai mercati extra UE (+19,2%). L’import registra un incremento tendenziale più marcato (+44,5%), che coinvolge sia l’area UE (+29%) sia, in misura molto più ampia, l’area extra Ue (+65,5%).

«Dopo la battuta d’arresto di dicembre – è il commento dell’Istat –, a gennaio l’export segna un nuovo aumento su base mensile trainato soprattutto dalle vendite di beni strumentali e beni intermedi. Nella media degli ultimi tre mesi, la dinamica congiunturale è molto positiva. Su base annua, la crescita dell’export, diffusa a tutti i settori, a eccezione degli autoveicoli, torna ad accelerare (+22,6%, da +16,2% di dicembre), spinta in particolare dal commercio con i paesi Ue. Gli acquisti di gas naturale e petrolio greggio spiegano un quarto dell’aumento tendenziale dell’import. Si amplia notevolmente il deficit energetico ma il saldo nell’interscambio di prodotti non energetici è positivo, sebbene meno ampio rispetto a gennaio dello scorso anno. I prezzi all’import continuano ad aumentare su base mensile e ad accelerare su base annua (+17,9%, da +15,6% di dicembre 2021), spinti principalmente dai rialzi dei prezzi di energia e beni intermedi».

Tra i settori che contribuiscono maggiormente all’aumento tendenziale dell’export si segnalano: metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+27,1%), mezzi di trasporto, autoveicoli esclusi (+57,6%), articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+25,9%), prodotti della raffinazione (+87,3%) e sostanze e prodotti chimici (+25,2%). Sono in calo le vendite di autoveicoli (-1,7%).

Su base annua, i paesi che forniscono i contributi maggiori all’incremento dell’export nazionale sono Stati Uniti (con un aumento del 38,8%), Germania (+18,6%), Francia (+19%), Spagna (+34%), Regno Unito (+35,3%) e Belgio (+32,2%). Diminuiscono le vendite verso Cina (-9,0%) e Svizzera (-3,4%).

La stima del saldo commerciale a gennaio 2022 è pari a -5.052 milioni di euro (era +1.584 milioni a gennaio 2021). Il deficit energetico (-6.439 milioni) si amplia notevolmente rispetto a gennaio dello scorso anno (-2.327 milioni). L’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici si riduce da 3.911 milioni per gennaio 2021 a 1.387 milioni per gennaio 2022.

Nel mese di gennaio 2022 i prezzi all’import crescono del 3% su base mensile e del 17,9% su base annua. Dai dati di gennaio 2022, gli indici dei prezzi all’import sono calcolati con il metodo del concatenamento annuale, utilizzando il mese di dicembre 2021 come base di calcolo; l’anno 2015 resta la base di riferimento.

 

Scrivi una replica

News

Putin: «Un paese come la Russia non si può isolare»

«In un mondo come quello contemporaneo, un paese come la Russia non si può mettere da parte, isolare, chi ci prova crea danni prima di…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: contagi in netto calo nell’ultima settimana

Contagi in netto calo, nell’ultima settimana. Lo rende noto la Fondazione Gimbe, che monitora indipendentemente l’andamento dell’emergenza sanitaria nel nostro Paese, sottolineando che risultano in…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Vaiolo delle scimmie, a livello mondiale confermati circa 220 casi

A livello mondiale, i casi confermati di vaiolo delle scimmie sono 219, perlopiù in Europa. Lo riferisce l’Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ddl Concorrenza: intesa raggiunta sulle concessioni balneari

Intesa raggiunta, alla fine. La maggioranza ha trovato un accordo sulle concessioni balneari, che avevano impantanato l’iter del ddl Concorrenza, un provvedimento che va approvato…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia