Il 42,6% delle mamme tra i 25 e i 54 anni non è occupata | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il 42,6% delle mamme tra i 25 e i 54 anni non è occupata

Inoltre cresce la “motherhood penalty”. I punti salienti del rapporto “Le Equilibriste. La maternità in Italia nel 2022” di Save The Children

di Redazione

Il 42,6% delle mamme tra i 25 e i 54 anni non è occupata, con un divario rispetto ai loro compagni di più di 30 punti percentuali. Oppure, laddove il lavoro sia stato conservato, spesso si trasforma in un contratto part-time, per il 39,2% di donne con due o più figli minori. Nel primo semestre 2021, solo poco più di un contratto a tempo indeterminato su 10, è a favore delle donne. È quanto emerge dal consueto rapporto di Save The Children, Le Equilibriste. La maternità in Italia nel 2022 diffuso alla vigilia della Festa della Mamma.

Photo by Christin Hume on Unsplash

Nel 2020, prosegue il rapporto, sono state più di 30 mila le donne con figli che hanno rassegnato le dimissioni, spesso per motivi familiari o perché non supportate da servizi sul territorio, carenti e troppo costosi, come gli asili nido. Dovendo fare i conti anche con servizi sul territorio sempre più carenti, il risultato che si ottiene è un quadro critico del contesto italiano, che vede diminuire il tasso di natalità. Infatti, i nuovi nati sono al di sotto della soglia dei 400 mila, in diminuzione dell’1,3% sul 2020 e di quasi il 31% rispetto al 2008. 

Continua ad essere sempre più larga la forbice tra i redditi delle donne e degli uomini, tanto che ormai questa condizione viene definita motherhood penalty o child penalty gap, e fa riferimento alle penalizzazioni che la maternità provoca a livello lavorativo, sociale ed ideologico. Le donne, quindi, a differenza degli uomini, sono ancora in notevole svantaggio quando, nei loro orizzonti di vita prende corpo la decisione di avere un figlio. E questo avviene non solo sul versante occupazionale, ma anche su quello retributivo.

Altro dato importante sottolineato nel rapporto è che il tasso occupazionale tra uomini e donne subisce un ulteriore divario e cambia notevolmente a seconda delle aree del paese, arrivando a sfiorare il picco del 62,6% nel Mezzogiorno, seguito dal 35,8% al Centro e da un 29,8% al Nord. Inoltre, mentre l’occupazione dei padri tende a crescere all’aumentare del numero di figli minorenni presenti nel nucleo, per contro, quello delle madri tende a diminuire. A fronte del 61% di madri con un figlio minorenne occupate (tre donne su cinque), gli uomini nella stessa condizione che hanno un lavoro sono l’88,6%. Il divario aumenta quando entrambi i generi hanno due o più figli minorenni, con un totale di donne occupate del 54,5% a fronte dell’89,1% degli uomini.

Nonostante nel nostro paese ci sia stata una leggera ripresa economica, in essa non sono state incluse le donne. Dai dati risulta che delle 267.775 trasformazioni contrattuali a tempo indeterminato del primo semestre 2021, solo il 38% riguarda donne. A seguire, si notano valori in discesa riguardo il lavoro stagionale con 17,7%, la somministrazione, 15,3% e, solo per ultimo, l’indeterminato con un bassissimo 14,5%. Per contro, degli oltre due milioni di contratti attivati per gli uomini, quasi la metà, cioè il 44,4% è a tempo determinato, subito seguito dall’indeterminato con il 18%. Tra tutti questi numeri e dati, la costante è l’ingiustizia di genere. Inoltre, la recessione dovuta alla pandemia Covid-19, ha avuto conseguenze maggiori sulle attività lavorative delle donne rispetto agli uomini, accelerando ancora di più un gap di genere sotto il punto di vista economico, sociale ed educativo.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Zelensky: «Presenteremo una domanda di adesione rapida alla Nato»

L’Ucraina ha presentato domanda di adesione rapida alla Nato. Lo ha annunciato il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, intervenendo al termine di una riunione del Consiglio…

30 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, Putin ha annunciato l’annessione di quattro regioni ucraine

La Russia ha annunciato l’annessione di Donetsk, Luhansk, Zaporizhzhia e Kherson, quattro regioni ucraine parzialmente occupate dall’esercito russo. «Ci sono quattro nuove regioni in Russia»,…

30 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Imperia è la città italiana dove si vive meglio dal punto di vista climatico»

Imperia è la città italiana dove si vive meglio dal punto di vista climatico, a Milano invece è possibile osservare meglio gli effetti del cambiamento…

30 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Uragano Ian in Florida: ci sono almeno 13 vittime

Sono almeno 13 le vittime legate al passaggio dell’uragano Ian in Florida. Il numero sembrerebbe destinato ad aumentare.…

30 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia