L’impatto del caro energia sulle imprese più piccole | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’impatto del caro energia sulle imprese più piccole

A rischio 881.264 micro e piccole imprese con 3.529.000 addetti, pari al 20,6% dell’occupazione del sistema imprenditoriale italiano. L’analisi di Confartigianato.

di Redazione

Si fa sentire l’effetto del caro energia sul sistema imprenditoriale italiano, soprattutto sulle aziende di piccole e medie dimensioni. A disegnare un quadro della situazione è Confartigianato, secondo cui il forte aumento dei prezzi energetici registrato negli ultimi mesi mette a rischio 881.264 micro e piccole imprese con 3.529.000 addetti, pari al 20,6% dell’occupazione totale italiana.

Secondo l’associazione di categoria le attività più esposte alla minaccia del lockdown energetico e addirittura della chiusura sono quelle energy intensive: ceramica, vetro, cemento, carta, metallurgia, chimica, raffinazione del petrolio, alimentare, bevande, farmaceutica, gomma e materie plastiche e prodotti in metallo. Ma i rincari dei prezzi dell’energia fanno soffrire anche altri 16 comparti manifatturieri in cui spiccano il tessile, la lavorazione del legno, le attività di stampa, la produzione di accumulatori elettrici e di apparecchi per uso domestico, di motori e accessori per auto, la fornitura e gestione di acqua e rifiuti.

Ma gli effetti del caro-energia non risparmiano nemmeno il settore dei servizi, con 17 comparti sotto pressione a causa dell’escalation dei prezzi di energia elettrica, gas e carburanti. Si tratta, spiega l’analisi. del commercio di materie prime agricole e di prodotti alimentari, ristorazione, servizi di assistenza sociale residenziale, servizi di asili nido, attività sportive come piscine e palestre, parchi di divertimento, lavanderie e centri per il benessere fisico. A questi si aggiungono i settori del trasporto colpiti dall’aumento del costo del gasolio: dal trasporto merci su strada ai servizi di trasloco, taxi, noleggio auto e bus con conducente, trasporto marittimo e per vie d’acqua. I rischi si estendono anche alla logistica, con attività come il magazzinaggio e le attività di supporto ai trasporti che subiscono pesanti rincari delle bollette per le attività di refrigerazione delle merci deperibili.

A livello territoriale, la regione più esposta ai disastrosi effetti del caro-energia sull’occupazione delle piccole imprese è la Lombardia: sono a rischio 139mila aziende con 751mila addetti. Non va meglio per il Veneto dove a soffrire sono 77mila piccole imprese con 376mila occupati. Seguono a breve distanza l’Emilia-Romagna (72mila piccole imprese con 357mila addetti), il Lazio (79mila imprese e 304mila addetti), il Piemonte con 62mila aziende che danno lavoro a 262mila addetti, la Campania (77mila imprese con 240mila addetti), la Toscana con 63mila imprese e 228mila addetti, la Puglia (57mila piccole imprese e 177mila addetti) e la Sicilia (63mila imprese con 165mila occupati).

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, inchiesta Onu: «Commessi crimini di guerra, anche contro dei minori»

Dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, si sono verificati casi di violenze contro i minori. Lo denuncia il capo della Commissione d’inchiesta, Erik Mose, riferendo i risultati…

23 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spazio, Nasa: «Concluso il test per il caricamento di propellente nel lanciatore Sls»

Concluso con successo il test per il caricamento di propellente nel lanciatore Sls (Space Launch System) nell’ambito della missione Artemis 1, il primo step per…

23 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Elezioni, l’88% dei seggi allestito in edifici scolastici

Dei 61.562 seggi elettorali, quasi nove su dieci (88%) si trovano all’interno di edifici scolastici. Lo rivela un dossier del Csel, il Centro Studi Enti…

23 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Donbass, al via i referendum per annessione alla Russia

Al via i referendum nel Donbass, che si terranno tra la giornata di oggi e il 27 settembre. Una consultazione che coinvolge il 15% del…

23 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia