Tim e Ericsson danno vita al 5G | T-Mag | il magazine di Tecnè

Tim e Ericsson danno vita al 5G

smartphone_telefoniaAl via la partnership tra Tim e Ericsson per creare il “5G for Italy”, un ecosistema aperto pensato per la ricerca e la realizzazione di progetti innovativi abilitati dalla tecnologia 5G, la rete mobile di nuova generazione, con lo scopo di accelerare la digitalizzazione del paese.
Si tratta del primo passo di un progetto più ampio volto ad aggregare industrie, istituzioni, università, centri di ricerca, amministrazioni locali, piccole e medie imprese per sviluppare e testare i nuovi servizi e le iniziative che si avvalgono della nuova tecnologia 5G. Le applicazioni riguarderanno più settori come le Smart City, l’Internet of Things, l’industria 4.0, il trasporto e la Smart Agricolture. L’accordo renderà possibile individuare le tendenze emergenti nel territorio italiano e internazionale attraverso lo studio di nuove opportunità tecnologiche e di business che la tecnologia 5G introdurrà nel mercato a partire dal 2020.
Il 5G darà l’impulso alla creazione, finalmente, di una vera società connessa. Secondo le stime di Ericsson nei prossimi cinque anni raddoppieranno le sottoscrizioni dei contratti broadband e saranno pari a 7,7 miliardi (nel 2015 sono state 3,6 miliardi), la crescita del traffico smartphone, sempre nei prossimi cinque anni, sarà dell’11%, mentre crescerà del 14% il traffico video attraverso i device mobili. Il 5G permetterà lo sviluppo di nuove funzionalità e applicazioni utili per i cittadini e imprese attraverso l’utilizzo di una rete più sicura, flessibile e affidabile. L’alta velocità permetterà una maggiore interazione tra uomo e macchina, proprio in virtù dello sviluppo, sempre più imminente, dell’internet delle cose. Sarà possibile comunicare anche nelle zone più remote del pianeta con una maggiore velocità e una minore latenza nella trasmissione dei dati sia in download che in upload. Il 5G permetterà lo sviluppo dei trasporti del futuro, i cosiddetti smart vehicles; sensori installati nelle infrastrutture delle nostre città e sui veicoli comunicheranno tra loro in maniera più semplice, chiara e diretta proprio attraverso questo nuovo network che permetterà una velocità di copertura del servizio maggiore insieme ad un minore consumo di energia. Una rete più veloce ed efficiente che ci permetterà di accedere a tutti i servizi on-demand ad altissima qualità (4k, 8k, HDR, HFR) con una velocità di connessione mai vista prima. Il 5G sarà fondamentale per lo sviluppo di alcuni progetti, per ora in fase pilota, che avranno un impatto positivo sia sugli utenti che nel campo dell’industria come, in particolare, la creazione di sistemi di sicurezza per la gestione dei cicli dei processi produttivi automatizzati, il tracciamento logistico dei beni di lusso per combattere il fenomeno della contraffazione, le soluzioni dedicate alla mobilità delle merci durante le fasi di imbarco e sbarco nei porti. Ma anche per quanto riguarda i servizi broadband applicati all’industria dell’automotive, fino alla gestione e al monitoraggio telematico dei parametri sanitari dei pazienti, all’abilitazione dei servizi video immersivi (realtà virtuale e aumentata), alla cloud robotic per il settore manifatturiero.
La partnership si prefigge lo scopo di aumentare ed accrescere le competenze delle due società sull’evoluzione delle reti attualmente esistenti per spingere verso lo sviluppo di uno standard 5G unico al mondo confermando il loro impegno nell’innovazione tecnologica delle infrastrutture di comunicazione, nonché il ruolo di portatori di un ecosistema in grado di sostenere la crescita socio-economica dell’intero sistema paese. In una nota il Responsabile Strategy & Innovation di Tim, Mario di Mauro dichiara che: “TIM dimostra ancora una volta la capacità e l’impegno nel contribuire all’innovazione e alla digitalizzazione del Paese, confermando la leadership nell’indirizzare i nuovi segmenti di mercato anticipando le attività di sviluppo sull’ultrabroadband di nuova generazione per offrire ai propri clienti una infrastruttura sempre più veloce e affidabile… implementare la nuova rete contestualmente ai servizi e alle applicazioni che nel prossimo futuro saranno abilitati dal 5G per le esigenze di trasformazione digitale delle aziende italiane e per lo sviluppo di una nuova comunicazione multimediale dei clienti consumer.

 

Scrivi una replica

News

La vendemmia del 2017 sarà fra le più scarse del dopo guerra, in calo del 25%

La vendemmia del 2017 sarà fra le più scarse del dopoguerra, con un calo del 25% rispetto al 2015. Mentre l’export vinicolo aumenta del 6,3%.…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Quantitative easing, Draghi: “Ampie ricerche dimostrano il suo successo”

“Ampie ricerche empiriche hanno affermato il successo di queste politiche nel supportare l’economia e l’inflazione, sia nell’Eurozona, sia negli Usa”. Lo ha detto il presidente…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, indice Pmi manifattura in crescita a 59,4 punti

Sale a 59,4 punti dai 58,1 di luglio l’indice Pmi manifatturiero della Germania nel mese di agosto. Il dato è superiore alle attese che prevedevano…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, indice Pmi manifattura in aumento a 57,4 punti

Cresce l’indice Pmi manifatturiero dell’Eurozona, che ha registrato un aumento a 57,4 punti nel mese di agosto, contro i 56,3 punti precedentemente stimati.…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia