Prosegue il calo della popolazione italiana residente | T-Mag | il magazine di Tecnè

Prosegue il calo della popolazione italiana residente

A fine 2018 gli italiani nel Paese erano 55 milioni e 104 mila, lo 0,4% in meno rispetto al 2017. Rispetto al 2014 è come se fosse scomparsa Palermo

Di Redazione

Dal 2015 la popolazione residente è in diminuzione, configurando per la prima volta negli ultimi 90 anni una fase di declino demografico. Al 31 dicembre 2018 la popolazione ammonta a 60.359.546 residenti, oltre 124 mila in meno rispetto all’anno precedente (-0,2%) e oltre 400 mila in meno rispetto a quattro anni prima.

Il calo è interamente attribuibile alla popolazione italiana, che scende al 31 dicembre 2018 a 55 milioni 104 mila unità, 235 mila in meno rispetto all’anno precedente (-0,4%). Rispetto alla stessa data del 2014 la perdita di cittadini italiani (residenti in Italia) è pari alla scomparsa di una città grande come Palermo (-677 mila). Si consideri, inoltre, che negli ultimi quattro anni i nuovi cittadini per acquisizione della cittadinanza sono stati oltre 638 mila. Senza questo apporto, il calo degli italiani sarebbe stato intorno a 1 milione e 300 mila unità.

Nel quadriennio, il contemporaneo aumento di oltre 241 mila unità di cittadini stranieri ha permesso di contenere la perdita complessiva di residenti. Al 31 dicembre 2018 sono 5.255.503 i cittadini stranieri iscritti in anagrafe; rispetto al 2017 sono aumentati di 111 mila (+2,2%) arrivando a costituire l’8,7% del totale della popolazione residente.

Nel 2018 la distribuzione della popolazione residente per ripartizione geografica resta stabile rispetto agli anni precedenti. Le aree più popolose del Paese sono, come è noto, il Nord-ovest (vi risiede il 26,7% della popolazione complessiva) e il Sud (23,1%), seguite dal Nord-est (19,3%), dal Centro (19,9%) e infine dalle Isole (11,0%).

La popolazione italiana ha da tempo perso la sua capacità di crescita per effetto della dinamica naturale, quella dovuta alla “sostituzione” di chi muore con chi nasce. Nel corso del 2018 la differenza tra nati e morti (saldo naturale) è negativa e pari a -193 mila unità.

Il saldo naturale della popolazione complessiva è negativo ovunque, tranne che nella provincia autonoma di Bolzano. A livello nazionale il tasso di crescita naturale si attesta a -3,2 per mille e varia dal +1,7 per mille di Bolzano al -8,5 per mille della Liguria. Anche Toscana, Friuli-Venezia Giulia, Piemonte e Molise presentano decrementi naturali particolarmente accentuati, superiori al 5 per mille.Nota. In data 3 luglio 2019 alle ore 12:30 il testo del comunicato allegato è stato sostituito per la correzione di due dati statistici a pag. 3: il saldo naturale della popolazione straniera (+57.754) e il tasso di crescita naturale degli stranieri in Emilia-Romagna (13,1 per mille).

(fonte: Istat)

 

1 Commento per “Prosegue il calo della popolazione italiana residente”

Scrivi una replica

News

Manovra, Conte: «Lavoriamo a un piano anti-evasione»

«Stiamo affinando i dettagli e mettendo a punto le ultime misure sulla manovra. Stiamo lavorando su un piano anti-evasione». Lo ha detto il presidente del…

11 Ott 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Forza Italia parteciperà alla manifestazione del 19 ottobre promossa dalla Lega

Forza Italia parteciperà alla manifestazione contro le politiche del governo promossa dalla Lega per il 19 ottobre, a Roma. Lo ha reso noto il presidente…

11 Ott 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, accoltellamento in centro commerciale a Manchester

Paura a Manchester. Almeno cinque persone sono state accoltellate a Manchester, fuori dal centro commerciale Arndale. È stata fermata una persona e le indagini sono…

11 Ott 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Tra 30 anni cinque miliardi di persone non avranno accesso a cibo e acqua»

Se l’umanità non farà nulla per tutelare l’ambiente, nei prossimi 30 anni almeno cinque miliardi persone rischiano di non avere accesso al cibo e all’acqua.…

11 Ott 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia