Nel «film politico» il trasformismo del cinema | T-Mag | il magazine di Tecnè

Nel «film politico» il trasformismo del cinema

I LEADER SUL GRANDE SCHERMO
di Claudio Ossani

In realtà il «film politico» sarebbe quanto di più minaccioso potesse regalarci il cinema, ma lo splendido e inarrestabile successo di maschere e di Storia, di corpi e di Memoria, ha fatto ben presto sì che applausi e botteghino si prendessero a braccetto, sorta di compromesso o inciucio di sorta legittimato troppo spesso dal parere di chi quel «film politico» non l’ha visto affatto.
In realtà nel «film politico» si puntano sempre i fucili, da una parte e dall’altra, in un fuoco incrociato più sciocco che reazionario. E quanto più si poteva temere, resta lì, illeso, sul campo di battaglia mediatico sempre pronto ad invadere quello più strettamente cinematografico. Perché l’interpretazione perfetta, plastica o ideale, di personaggi politici da parte di grandi attori non è mai un antidoto a pregiudizi o preconcetti, ma anzi un’accelerazione ai difetti del dibattito sulla nostra società. Insomma, il rovesciamento che si compie dal romanzo autobiografico al «film politico», dal racconto della vita spesso incredibile di un protagonista o di un episodio della Storia alla polemica socio-culturale, è possibile solo con lo spostamento del piede (in sceneggiatura e in interpretazione, quasi mai in regia) dal pedale psicologico a quello etico.
Così, nel corso degli ultimi anni, abbiamo assistito alla decorazione grottesca sulla deformazione cui conduce l’esercizio del potere (Il divo di Paolo Sorrentino, «film politico» d’avanguardia perché di smisurate ambizioni), all’infingardo e british stato dell’arte sull’esaurimento istituzionale della monarchia inglese (The Queen di Stephen Frears, «film politico» perché di davvero tagliente contro la casa reale c’è appena qualche battuta fulminante mentre Tony Blair è oggetto, da sinistra, di una raffica di dubbi sulla sua condotta al governo), all’adattamento cinematografico di un testo teatrale che metteva in scena un evento televisivo (Frost/Nixon di Ron Howard, «film politico» perché oltre all’idea del meta-documentario riflette sul potere, sulle dichiarazioni pubbliche e sul potere delle dichiarazioni in un programma tv). Ma anche al più complesso Il caimano di Nanni Moretti, «film politico» perché al di là della questione Berlusconi e nell’essenza più matura del genere «film-dibattito» caro alla carriera del regista non esaurirà mai la sua capacità di invadere l’agenda del dibattito pubblico (vedi il caso Parla con me), o a W. di Oliver Stone (il cui successo – infatti – non sta negli incassi), «film-politico» più per le polemiche a cui ci ha sempre abituato il suo autore che non per i risultati di una messinscena comunque inferiore alle aspettative maligne dell’ideologia più partigiana.
In realtà, e in tutti questi casi, il successo del «film politico» ha come condizione necessaria il mimetismo degli interpreti in grandi personaggi perché questo è ciò che rassicura maggiormente il pubblico, tanto più conservatore quanto più numeroso in sala. In questo senso, pettinatura e tailleur di Meryl Streep nelle prime foto di scena diffuse dal set di The iron lady di Phyllida Lloyd sono quanto di più rassicurante esista per iniziare bene la promozione commerciale. Perché in fondo nessuno mai nel suo sabato sera (più o meno) cinefilo vorrebbe una vera lezione di Storia, ma per essere disponibile almeno a qualche cenno fuoricampo chiede subito una visualizzazione grafica e democraticamente iconografica del protagonista. A riprova di una sintesi che spesso sa comunque essere magnifica, ma che quasi sempre nel suo essere «film politico» minaccia almeno un po’ la disordinata e provocatoria follia del cinema.

 

1 Commento per “Nel «film politico» il trasformismo del cinema”

  1. […] This post was mentioned on Twitter by Fabio Germani, Claudio Ossani. Claudio Ossani said: Nel «film politico» il trasformismo del cinema, ovvero la mia prima comparsata sulle pagine di T-mag http://t.co/1rsF0Yo […]

Scrivi una replica

News

Regionali Sicilia, Renato Schifani ha vinto le elezioni

Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Sicilia, Renato Schifani, ha vinto le elezioni. Con 133 sezioni scrutinate su 5.294 – le operazioni di…

26 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, Putin ha concesso la cittadinanza russa ad Edward Snowden

Il leader del Cremlino, Vladimir Putin, ha concesso la cittadinanza russa ad Edward Snowden, un ex collaboratore della National Security Agency statunitense, rifugiatosi in Russia…

26 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bruxelles: «La Commissione lavora con i governi eletti dal voto nelle urne negli stati Ue»

«La Commissione lavora con i governi eletti dal voto nelle urne negli stati Ue». Così il portavoce della Commissione europea, Eric Mamer. «Speriamo di avere…

26 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Mosca: «Errori negli sforzi di mobilitazione»

Proteste e manifestazioni – ancora nelle ultime ore nella regione russa del Daghestan –, addirittura fughe. Le immagini dei giorni scorsi provenienti dalla Russia dopo…

26 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia