Ma nello studio ovale non c’è più il red phone | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ma nello studio ovale non c’è più il red phone

Berlusconi sente il bisogno di raccontare a un Obama attonito della "quasi dittatura dei giudici di sinistra"

Che lo spettro comunista sia l’ossessione più grande di Berlusconi non lo scopriamo certo oggi. E neppure ieri, quando a Porta a Porta ha ricordato che in Italia è presente la peggiore sinistra dell’Occidente. Però fa un po’ effetto guardare il video pubblicato da Repubblica in cui il premier, a Deauville per il G8, si intrattiene un paio di minuti con Obama riferendogli di avere presentato una riforma della giustizia perché in Italia “c’è quasi una dittatura dei giudici di sinistra”. Dal filmato non è evidente se il presidente statunitense abbia compreso appieno il perché di cotanto pathos, né cosa abbia spinto Berlusconi a precipitarsi dal suo interlocutore. Chissà, magari il retaggio di un’altra epoca. Oppure il presidente del Consiglio ha ritenuto indispensabile rendere Obama partecipe della “propria” guerra fredda. Sicuramente non si cela l’influenza della Mosca che fu dietro l’operato della magistratura italiana e perciò crediamo che il presidente degli Stati Uniti, una volta rientrato alla Casa Bianca, avrà ben altro da fare nello studio ovale (non utilizzerà il telefono rosso, per capirci). Stupisce molto meno, dunque, la reazione del presidente dell’Anm, Luca Palamara: “Non ci prestiamo a strumentalizzazioni legate alla campagna elettorale. La magistratura è un’istituzione fondamentale dello Stato di diritto. È però molto grave che una fondamentale istituzione dello Stato italiano venga denigrata anche agli occhi di un importante capo di Stato estero”. Più ironico (e più in linea con la personale guerra fredda del premier) è stato invece il commento di Massimo Donadi dell’Idv: “Ormai è senza controllo, tra un po’ chiederà alla Nato di bombardare le procure”.

 

4 Commenti per “Ma nello studio ovale non c’è più il red phone”

  1. […] dello sfogo di Berlusconi con Obama sui giudici di sinistra, a prendere le difese del premier è il ministro […]

  2. […] la confidenza di Berlusconi a Obama ieri abbia fatto infuriare l'Anm e l'opposizione, oggi il premier è tornato […]

  3. […] dello sfogo di Berlusconi con Obama sui “giudici di sinistra” la bacheca Facebook del presidente […]

  4. […] chiarire il perché della particolare confidenza al presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, è stato Berlusconi stesso in conferenza stampa a […]

Leave a Reply to Le notizie che passano in secondo piano: così Frattini difende il premier che parla a Obama | T-Mag

News

Ucraina, Von der Leyen: «Se Mosca attacca, pronte sanzioni»

«Noi speriamo che l’attacco all’Ucraina non ci sia, ma se ci sarà noi siamo pronti. Non accettiamo il ritorno alle sfere d’influenza in Europa e…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cremlino: non escluso nuovo colloquio Putin-Biden

Nonostante il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, abbia in un primo momento criticato le parole di Biden di ieri perché «possono facilitare la destabilizzazione della…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, obbligo vaccinale spinge le prime dosi tra gli over 50

Tra il 12 e il 18 gennaio, sono state somministrate 128.966 prime dosi di vaccino nella fascia d’età over 50, pari al 28,1% in più…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giornalismo: è morto Sergio Lepri, ex direttore dell’Ansa

È morto Sergio Lepri, giornalista e direttore dell’agenzia di stampa Ansa dal 1962 al 1990. Aveva 102 anni. Era nato a Firenze nel 1919 e…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia