Usa 2012. La corsa alla nomination repubblicana | T-Mag | il magazine di Tecnè

Usa 2012. La corsa alla nomination repubblicana

di Paolo Massa

Sono rimasti in nove, negli Stati Uniti, a contendersi la nomination del Partito repubblicano per le elezioni presidenziali del 2012. Tutti scommettono su Newt Gingrich, ex speaker della Camera, o Mitt Romney, ex governatore mormone del Massachussetts. In salita anche le quotazioni del deputato libertario del Texas Ron Paul. A seguire Rick Perry, Michele Bachmann, Jon Huntsman, Rick Santorum, Buddy Roemer e Gary Johnson. I dibattiti televisivi sono ormai terminati: l’ultimo proprio a Sioux City, in Iowa, lo Stato che il prossimo 3 gennaio aprirà le danze delle consultazioni repubblicane per scegliere lo sfidante del Presidente Barack Obama.
Intanto il Des Moines Register, il giornale più importante dell’Iowa, ha pubblicato un editoriale di endorsement per Romney. «He is the best to lead», recita il titolo del pezzo nel quale si lodano «sobrietà, saggezza e giudizio» del candidato conservatore. A sostenere l’ex governatore del Massachussetts è intervenuta anche Nikki Haley, alla guida del South Carolina, repubblicana vicina alla destra ultraconservatrice del Tea Party. Un appoggio politico che potrebbe aiutare Romney a fermare l’ascesa di Newt Gingrich nel terzo Stato chiamato a votare dopo Iowa e New Hampshire.
In South Carolina, particolarmente religioso, la spina nel fianco di Romney potrebbe essere però la sua fede mormone. L’ex governatore del Massachussetts, seppur considerato il miglior candidato per sconfiggere Obama attraendo il voto moderato e indipendente, non è riuscito ancora a far breccia nel cuore dei conservatori duri e puri.
Secondo un sondaggio Reuters-Ipsos, però, se lo scorso novembre si fossero tenute le elezioni Barack Obama avrebbe battuto Newt Gingrich con uno scarto del 13% e Romney con un margine dell’8%.
L’ex speaker della Camera ha infatti il brutto vizio di esporsi troppo con le sue provocazioni rischiando di alienarsi l’elettorato indipendente: basti pensare alle ultime dichiarazioni sull’inesistenza del popolo palestinese. Per questo Mitt Romney sta cercando di dipingere il suo più temibile avversario come “zany”, bizzarro, evidenziando anche il passato di Gingrich nel ruolo di consulente pagato oltre un milione e mezzo di dollari da Freddie Mac, la società di credito immobiliare considerata tra i maggiori responsabili della crisi finanziaria innescata dai mutui subprime tra il 2007 e il 2008.
La gara per la nomination repubblicana resta più che mai aperta, e non è improbabile che oltre ai due litiganti, Mitt Romney e Newt Gingrich, le luci della ribalta possano illuminare un altro, ennesimo candidato dopo i brevi e intensi successi di Rick Perry ed Herman Cain (ritiratosi poi dalla contesa). Alcuni pensano a Ron Paul, secondo un sondaggio di Public Policy Polling al primo posto in Iowa.
Intanto Barack Obama attende senza troppa ansia di conoscere il proprio futuro avversario, nella speranza che il tasso di disoccupazione scenda al di sotto dell’8,6% raggiunto lo scorso novembre, il risultato migliore dal marzo 2009. È lì che si gioca infatti il futuro del primo Presidente afroamericano degli Stati Uniti.

 

2 Commenti per “Usa 2012. La corsa alla nomination repubblicana”

  1. […] repubblicane che sanciranno quale candidato del Gop sfiderà Obama nella corsa alla Casa Bianca (qui l’approfondimento di T-Mag). Si inizia, come da tradizione, con i caucus in Iowa. Secondo il […]

  2. […] di Fabio GermaniCon il caucus dell’Iowa si aprono ufficialmente le primarie repubblicane (qui una nostra anticipazione) che sanciranno quale candidato del Grand Old Party sfiderà il presidente […]

Scrivi una replica

News

Elezioni Russia, Putin: “Bene Russia Unita, ha confermato la leadership”

“Il partito ha affrontato il compito di confermare la sua leadership, il compito è stato ovviamente realizzato”. Lo ha detto il presidente russo, Vladimir Putin,…

20 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, sono almeno otto le vittime della sparatoria all’Università di Perm

Sono almeno otto le vittime della sparatoria avvenuta all’Università Statale di Perm, in Russia. Secondo i media a sparare sarebbe stato uno studente 18enne della…

20 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fico:”Regole su Green Pass varranno anche per la Camera”

“Oggi, come è sempre stato, quello che accade fuori, accadrà dentro il Parlamento. Quindi le regole che varranno per fuori varranno per la Camera”. E’…

20 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oggi parte la somministrazione della terza dose

Oggi al via alla somministrazione della terza dose del vaccino anti-covid19. Si parte dalle persone immunocompromesse, trapiantati e malati oncologici con determinate specificità. Si tratta…

20 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia