Istat: “Ad aprile import +2,5%, export +0,2% rispetto a marzo” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: “Ad aprile import +2,5%, export +0,2% rispetto a marzo”

“Ad aprile, rispetto al mese precedente, si rileva un incremento per entrambi i flussi commerciali, più intenso per le importazioni (+2,5%) che per le esportazioni (+0,2%)”. Questo è quanto rende noto l’Istat in un comunicato diffuso oggi, venerdì 15 giugno.
“La crescita congiunturale dell’export – si legge nella nota – è dovuta all’incremento delle vendite verso i paesi UE (+1,0%). Rilevante è l’aumento per i beni strumentali (+5,5%).
L’incremento congiunturale delle importazioni è sostenuto con intensità simili dalle principali aree di interscambio, con aumenti più rilevanti per beni di consumo durevoli (+5,1%) e i prodotti intermedi (+4,6%). Un effetto di contenimento delle importazioni deriva invece dalla riduzione degli acquisti di prodotti energetici (-2,4%).
Ad aprile la flessione tendenziale del valore delle esportazioni (-1,7%) è determinata da una contrazione dei volumi (-4,9%) parzialmente compensata da un incremento dei valori medi unitari (+3,4%).
Anche la marcata riduzione tendenziale del valore delle importazioni (-9,3%) è determinata da una ampia flessione dei volumi (-12,8%), mentre i valori medi unitari registrano un incremento del 4,0%.
Ad aprile il saldo commerciale è prossimo all’equilibrio (-202 milioni di euro) e in forte ridimensionamento rispetto al deficit dello stesso mese dell’anno precedente (-2,8 miliardi). Dall’inizio dell’anno il deficit commerciale ha raggiunto il valore di -3,6 miliardi: al netto dell’energia, l’attivo è pari a 19,4 miliardi.
I mercati più dinamici all’export sono Giappone (+34,1%), paesi Opec (+22,1%) e Svizzera (+12,4%).
I settori che presentano i più sostenuti incrementi delle vendite sui mercati esteri sono gli articoli farmaceutici (+14,0%) e gli autoveicoli (+13,9%).
La crescita delle importazioni dai paesi Opec è molto sostenuta (+58,5%), mentre sono in forte flessione gli acquisti dai paesi EDA (-37,6%), Regno Unito (-30,4%) e Giappone (-29,3%).
I settori per cui si rileva una forte crescita delle importazioni sono i prodotti petroliferi raffinati (+35,8%) e il gas naturale (+22,2%).
La flessione delle vendite di mezzi di trasporto (autoveicoli esclusi) in Francia spiega da sola un quinto della riduzione tendenziale dell’export (-1,7%)”.

 

1 Commento per “Istat: “Ad aprile import +2,5%, export +0,2% rispetto a marzo””

  1. […] estero: export aprile -1,7%ANSA.itAdnkronos/IGN -AgenParl – Agenzia Parlamentare -T-magtutte le notizie (20) » Nessun […]

Scrivi una replica

News

Coronavirus, oltre 24milioni di casi negli Usa

Sono oltre 24 milioni i casi registrati da inizio pandemia negli Stati Uniti, dove si contano anche 400mila vittime.…

19 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, 118 nuovi casi in Cina

Sono 118 i nuovi casi di coronavirus registrati in Cina, i cui 106 trasmessi localmente e 12 importati.…

19 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, con coprifuoco alle 18 casi diminuiti del 16%

Le misure restrittive adottate in Francia e il coprifuoco anticipato alle 18 cominciano a dare effetti positivi sulla pandemia. Infatti, il numero di contagi è…

19 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Messico: «Biden riveda riforme sull’immigrazione»

«Il nuovo presidente americano deve rivedere sulle riforme politiche di immigrazione del Paese. Lo ha detto il presidente messicano, Andres Manuel Lopez Obrador, mentre migliaia…

19 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia