L’annosa questione della sicurezza sul lavoro | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’annosa questione della sicurezza sul lavoro

“Ci sono gravissime crepe e contraddizioni nell’impegno a costruire la sicurezza sul lavoro, che è un fondamentale valore costituzionale. C’è molto da fare in Italia per migliorare il sistema dei controlli e delle sanzioni sulla sicurezza sul lavoro”. A dirlo è stato il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale in occasione della Giornata nazionale sulla salute e sulla sicurezza sul lavoro che si è celebrata lunedì ha espresso tutta la sua preoccupazione per un aspetto del mondo del lavoro molto spesso trascurato, quello della sicurezza, per l’appunto.
Nonostante il legislatore, come ha sottolineato Napolitano, abbia ancora “molto da fare”, il numero degli infortuni sul posto di lavoro è diminuito negli ultimi anni, almeno il numero di quelli denunciati.
Infatti, secondo stando agli ultimi dati raccolti dall’Inail, ancora provvisori, e comunicati dal presidente Massimo De Felice, nel 2011 gli incidenti mortali sul lavoro sono stati 920, facendo registrare un calo pari al 5,4% rispetto al 2010 (a sua volta già diminuito del 7,5% rispetto al 2009, quando di incidenti ne furono 1.053).
Scendendo nel dettaglio, notiamo come gli incidenti in ambiente di lavoro siano stati 450, dato stabile se confrontato a quello del 2010 (-0,4%), dove si evidenzia una variazione del –4% rispetto al 2009.
Gli incidenti che si sono verificati “in itinere” sono stati 240, +4,8% rispetto al 2010, con un riassorbimento della riduzione del 16,4% che si era registrata nel 2009.
Il numero degli infortuni denunciati è in calo, dicevamo. Ma aumentano le malattie professionali, come abbiamo spiegato su queste pagine in passato. L’aumento è dovuto in gran parte anche delle “nuove” patologie tabellate. Si è registrato un incremento di quasi il 10% delle malattie professionali che dopo il numero del 2010 (circa 7.600 casi in più rispetto al 2009), si attestano nel 2011 a circa 46.500 denunce.
Si è registrato quindi un calo degli incidenti sul lavoro, ma questi “obiettivamente” non sono dati “confortanti” e lo sono “ancora meno – ha sottolineato, tra gli altri, il presidente del Senato, Renato Schifani – se messi in correlazione alla diminuzione del livello di occupazione”.

 

1 Commento per “L’annosa questione della sicurezza sul lavoro”

  1. Ci sono questioni che, seppur dibattute, non scadono mai d’essere s’attualità e importanza. Troppe volte e troppo spesso, in Italia, si mette la polvere sotto il tappeto.

Scrivi una replica

News

Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18

Il virus continua a costringere i governi ad adottare misure più stringenti per contenere la pandemia: dopo la Cina, che ha imposto il lockdown in…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Paesi Bassi: si è dimesso il governo guidato da Rutte

Il governo olandese si è dimesso. Lo ha annunciato il premier Mark Rutte, in carica dal 2010. Fatale uno scandalo che ha coinvolto circa 20mila…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, misure più dure per entrare in Belgio dai Paesi extra Ue

Il Belgio, a causa del protrarsi della pandemia, ha inasprito le regole per l’ingresso dai Paesi extra Ue, incluso il Regno Uniti.  In concreto, ai…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Berlino: «Prendere molto sul serio la mutazione del virus»

«Il governo osserva con grande attenzione gli effetti della mutazione del Covid, che si è diffusa in Gran Bretagna e Irlanda, e anche i Laender…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia