Essere donne nel mondo del lavoro | T-Mag | il magazine di Tecnè

Essere donne nel mondo del lavoro

Senza ombra di dubbio le battute e le allusioni a sfondo sessuale fatte da Silvio Berlusconi alla manager di Green Power, Angela Bruno, hanno fatto molto discutere. Ovviamente i media hanno pompato la notizia, ma al di là del mero aspetto mediatico le donne, nel “paese reale”, subiscono trattamenti certo non lusinghieri.
Il siparietto che ha visto protagonisti Berlusconi, la giovane manager e la Green Power (con tutte le polemiche che sono seguite) è solo una goccia nell’oceano delle problematiche relative alla questione “donne nel mondo del lavoro”. Per capirlo basta analizzare i dati raccolti nell’ultimo Rapporto Italia da Eurispes. Tralasciando il divario occupazionale, che più volte abbiamo affrontato su queste pagine, una donna su due dichiara di sentirsi soggiogata in ambiente di lavoro. Da una parte, ciò avviene perché le prospettive quasi mai sono rosee: lo stipendio delle donne risulta essere mediamente più basso di quello degli uomini del 18% (come riportato inoltre da una recente indagine Tecnè) e il futuro appare così incerto. Alla domanda sulle possibilità di crescita professionale, ricorda l’Eurispes, il 57,6% risponde in modo negativo mentre una fascia di lavoratrici, pari a ben il 40%, sostiene di non sentir valorizzate le proprie capacità. In aggiunta, il 22,3% delle donne non si sente appagata per quanto riguarda l’attività svolta e il 9,9% si dice pienamente insoddisfatta degli orari di lavoro.
La precarietà del contratto e la scarsa tutela dei diritti sono altri fattori che ancora oggi condizionano in negativo il percorso professionale delle donne. Poi, ancora, c’è un aspetto più inquietante, che comprende vessazioni di vario tipo che le donne talvolta sono costrette a subire. Non è una prassi, sia chiaro. Ma neppure una circostanza tanto rara. Il mobbing risulta un problema per almeno il 24% delle intervistate, di cui l’89,7% afferma di subire soprusi o diverse forme di violenza o persecuzione psicologica. Non solo i superiori, che pure sono la maggior parte dei casi. Il 41,2% delle lavoratrici dichiara di essere vittima di mobbing da parte dei propri colleghi, mentre il 13,2% da parte di lavoratori di grado inferiore.
Le tensioni, infine, aumentano anche a causa dei rapporti negativi con i propri superiori o con clienti e fornitori, nel 37,2% dei casi, più propensi a fare la voce grossa se l’interlocutore è una donna.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, quarantena e tampone obbligatori per chi viene in Italia dal Regno Unito

Quarantena obbligatoria di 5 giorni con obbligo di tampone per chi arriva in Italia dal Regno Unito. Lo prevede un’ordinanza firmata dal ministro della Salute,…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spagna, dal 26 giugno via obbligo mascherine all’aperto

Anche la Spagna, come la Francia alcuni giorni fa, ha annunciato che a breve toglierà l’obbligo di mascherina all’aperto. A riferirlo il premier Pedro Sanchez,…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, Trump: «Deciderò se ricandidarmi dopo elezioni midterm»

L’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è tornato a parlare non escludendo una sua ricandidatura nel 2024, ipotesi di cui si discute da tempo.…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Novara, sindacalista muore investito da un camion durante una manifestazione

Adil Belakhdim, 37 anni, coordinatore interregionale dei SiCobas, è morto questa mattina investito da un camion. L’episodio è avvenuto davanti ai cancelli della Lidl di…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia