“Perché piangere due volte?”, un bell’esempio di comunicazione | T-Mag | il magazine di Tecnè

“Perché piangere due volte?”, un bell’esempio di comunicazione

di Mauro Terlizzi

Quello del “caro estinto” è un mercato serio e strutturato, con grandi gruppi internazionali e operatori nazionali di spessore che coinvolge privati ed enti pubblici (si pensi solo alla gestione cimiteriale). E’ un mercato che, mi si passi il sarcasmo, non “muore” mai, ma che naturalmente risente degli andamenti economici nelle sue politiche d’offerta.
E’ un settore dove vale molto il passaparola e la conoscenza diretta o suggerita, così come il “presidio” e la rapidità d’approccio con la domanda che si forma nel mondo della sanità e che, ovviamente, “beneficia” di stati d’animo sensibili e stati di necessità impellenti. Per questo, una corretta azione di comunicazione, che presuppone chiarezza e razionalità d’approccio è sicuramente positiva.
Negli anni passati qualche operatore aveva provato a comunicare al pubblico vasto, addirittura con campagne TV, rimanendo però bloccato dalla delicatezza del tema e non centrando, fino in fondo, un obiettivo soddisfacente (l’head line della società, di cui non ricordo il nome, non a caso era “passare con stile”…).
Questa campagna, invece, mi sembra molto azzeccata, sotto tutti i punti di vista.
In primo luogo l’approccio, molto laico e realistico e, poi, il linguaggio leggermente sdrammatizzante, ma sobrio. Inoltre, un “visual” essenziale, fatto solo di lettering, che ricorda molto le pubblicità intelligenti di Ikea o quelle anglosassoni di “lettura” solitamente programmate sui metro e bus.
In sintesi, un bell’esempio di comunicazione, che dice la verità, senza ipocrisie culturali rituali, ricordandoci che la morte è naturale e che, soprattutto, quella di qualcuno riguarda sempre la vita di qualcun altro.

 

1 Commento per ““Perché piangere due volte?”, un bell’esempio di comunicazione”

  1. Mariella

    non sono in alcun modo d’accordo su questo articolo. Non si tratta di un’associazione no profit,parliamo di un’agenzia funebre che lucra sulle disgrazie, e che prova a rimanere impresso nelle menti con queste campagne pubblicitarie vergognose,offensive per chi,soprattutto per chi un lutto l’ha subito. Chi non lo subisce se lo immagina naturale,un vecchietto che muore,la nonnina trapassata,ma chi subisce un lutto ingiustificato e terribile non può rimanere indifferent e fare anche elogi e complimenti a una strategia pubblicitaria del genere. E’ l’esempio che in Italia è tutto lecito,tette,culi,offese, che per arrivare allo scopo “tutto è lecito”,perfino una campagna che fino a una decina di anni fa avrebbe fatto inorridire un paese intero. Ma tutto ormai è normalità,siamo stati abituati a standard di moralità bassissimi,e io a questi pubblicitari insegnerei un po’ di buon senso. Ritengo quindi quest’articolo stesso insensibile e ovviamente non pratico (fortuna sua ) degli argomenti di cui sta parlando.

Scrivi una replica

News

Dl Dignità, Di Maio: «La fiducia? Spero di no»

«Spero di no, però mi aspetto, e questo lo auspico, perché il Parlamento è sovrano, che ci sia un atteggiamento costruttivo sulle modifiche. Se poi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Alessandro Rivera sarà il prossimo direttore generale del Mef

Alessandro Rivera sarà il nuovo direttore generale del ministero del ministero dell’Economia. Lo riferisce l’agenzia Reuters, citando «tre fonti vicine alla situazione». Ha 47 anni…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps, Di Maio: «Boeri? Non ho il potere di rimuoverlo»

Il presidente dell’INPS «Boeri? Io non ho il potere di rimuovere questa persona: o scade oppure resta lì». Lo ha detto il vice premier Luigi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cdp, Fabrizio Palermo nuovo amministratore delegato

Fabrizio Palermo è il nuovo amministratore delegato di CDP, la Cassa depositi e Prestiti. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters, citando «tre fonti vicine alla…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia