La delicata situazione in Ucraina/6 | T-Mag | il magazine di Tecnè

La delicata situazione in Ucraina/6

di Mirko Spadoni

yulia_tymoshenkoKiev fa quel che fino ad ora Mosca non ha voluto fare: un passo indietro. “Il Consiglio di sicurezza nazionale e di difesa – ha annunciato lunedì il presidente ad interim, Olexander Turchynov – ha ordinato al ministero della Difesa di riposizionare le unità militari”, ordinandogli di abbandonare la Crimea. Una decisione dettata dall’aggressività dei miliziani filorussi, che avevano messo a rischio la sicurezza dei soldati ucraini e dei loro familiari. A farne le spese è stato il ministro della Difesa ucraina ad interim, Igor Tenyukh, dimessosi nella giornata di martedì e immediatamente sostituito dal generale Mykhailo Koval, la cui nomina è stata approvata dalla Verkhovna Rada con 228 voti a favore. La penisola, che si affaccia sul Mar Nero, passa così sotto il controllo completo di Mosca. La cui moneta (il rublo) da lunedì viene utilizzata per i “pagamenti, le pensioni e i salari”, come aveva già annunciato qualche giorno fa il presidente del Parlamento di Simferopoli, Vladimir Konstantinov. Un processo di integrazione inarrestabile e legittimato dal risultato del referendum del 16 marzo scorso, quando il 96,6% degli elettori si è detto favorevole all’unione con la Russia. La votazione è stata però condannata da una parte della comunità internazionale: “Condanniamo – si legge infatti nel comunicato finale dei G7, riunitosi all’Aja tra lunedì e martedì – il referendum illegale che si è tenuto in Crimea in violazione della costituzione ucraina. Condanniamo anche con forza il tentativo illegale della Russia di annettere la Crimea”. Alla condanna è seguita poi una sospensione implicita – e non un’espulsione (termine mai utilizzato nella nota) – della Russia dal G8, fino a quando Mosca “non cambierà percorso”. Perché implicita? Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti si limitano a non partecipare “al previsto incontro di Sochi”, aggiungendo “che il G7 si incontrerà a giugno a Bruxelles, per discutere modi di rafforzare la nostra sicurezza energetica collettiva”.
Ma al Cremlino non ne hanno fatto un dramma, anzi. “Il G8 – ha osservato il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov – è un club informale” e per questo motivo un’eventuale allontanamento non sarebbe “una tragedia”, visto che tutti i principali problemi possono essere discussi in altre sedi internazionali. Successivi invece alla sospensione del G8, gli avvertimenti del presidente degli Stati Uniti Barack Obama. “Sta alla Russia (“una potenza – definita da Obama stesso – regionale”) agire in modo responsabile dimostrandosi disponibile a rispettare le norme internazionali: se non lo farà – ha ribadito, parlando martedì a margine di una conferenza all’Aja – dovrà aspettarsi costi ulteriori”. “Ci stiamo organizzando in modo ancora più intenso per fare in modo che – ha annunciato l’inquilino della Casa Bianca – ci siano piani di emergenza e tutti gli alleati abbiano delle garanzie. Agiremo in loro difesa qualunque cosa accada: questa è la Nato”. Dopo aver sottoscritto il 22 marzo la parte politica dell’Accordo di Associazione (Association agreement) con l’Unione europea, Kiev può contare anche sul sostegno dell’Alleanza Atlantica.
Aspetti da non trascurare e che potrebbero deteriorare ulteriormente le relazioni non certo idilliache tra il nuovo corso ucraino e il leader del Cremlino. Rapporti già difficili, come testimoniato anche dalla conversazione telefonica tra l’ex primo ministro Yulia Tymoshenko e il deputato del partito delle Regioni, Nestor Shufrich. “Sarei pronta – avrebbe detto Tymoshenko – a prendere in mano un mitra e sparare in fronte a questo sacco di m…. (Vladimir Putin, ndr)” oltre a proporre l’eliminazione “con armi nucleari” dei cittadini ucraini russofoni. “La telefonata – ha poi confermato su Twitter la diretta interessata – c’è stata. Però la parte sugli otto milioni di russi in Ucraina è un montaggio. In realtà ho detto: i russi in Ucraina sono ucraini. Un saluto ai Fsb (i servizi segreti russi, ndr). Scusate per il linguaggio osceno”. Ma la crisi ucraina rischia di avere ripercussioni – più o meno gravi, si vedrà – anche in un altro settore, quello energetico. Ci si chiede infatti se l’Europa potrebbe fare a meno del gas russo, da cui dipende per circa il 27% delle importazioni (130 miliardi metri cubi). Secondo lo studio Interactive chart: How Europe can replace Russian gas del think-tank Bruegel di Bruxelles, si tratta di “una sfida difficile, ma non impossibile” e che causerebbe qualche grattacapo – ed enormi perdite economiche (circa 70 miliardi di dollari all’anno, pari al 3% del pil russo) – a Mosca. Secondo gli analisti, l’Europa dovrebbe rivolgersi ad altri fornitori (la ricerca cita esplicitamente la Norvegia e il nord Africa, che al momento esportano verso il Vecchio Continente – rispettivamente – il 23% e l’8% del totale); ampliare l’utilizzo del gas naturale liquido; utilizzare altri combustibili e infine ridurre i consumi energetici. Lo studio sostiene che abbassando di 1,5° il riscaldamento in media ridurrebbe i consumi di gas del 10% (circa 19 miliardi di metri cubi). Nel nostro piccolo e come italiani soddisfiamo, importandolo dalla Russia, il 30% del nostro fabbisogno. E così, ha spiegato prima al Financial Times e poi al Corriere della Sera l’amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni, “l’Italia riuscirebbe a gestire la situazione” anche in mancanza di gas russo. Discorso diverso per “l’Europa, troppo dipendente – spiega Scaroni – per fermare le importazioni nel breve termine”. Una nota di colore: visitando il sito del Cremlino, è possibile osservare una mappa della Federazione russa diversa rispetto a quella consultabile solo qualche giorno fa. Vi è incluso infatti un nuovo territorio: la Crimea, per l’appunto.

segui @SpadoniMirko

Leggi anche:
La delicata situazione in Ucraina/1
La delicata situazione in Ucraina/2
La delicata situazione in Ucraina/3
La delicata situazione in Ucraina/4
La delicata situazione in Ucraina/5

 

3 Commenti per “La delicata situazione in Ucraina/6”

  1. […] Leggi anche: La delicata situazione in Ucraina/1 La delicata situazione in Ucraina/2 La delicata situazione in Ucraina/3 La delicata situazione in Ucraina/4 La delicata situazione in Ucraina/5 La delicata situazione in Ucraina/6 […]

  2. […] situazione in Ucraina/3 La delicata situazione in Ucraina/4 La delicata situazione in Ucraina/5 La delicata situazione in Ucraina/6 La delicata situazione in Ucraina/7 La delicata situazione in […]

  3. […] situazione in Ucraina/3 La delicata situazione in Ucraina/4 La delicata situazione in Ucraina/5 La delicata situazione in Ucraina/6 La delicata situazione in Ucraina/7 La delicata situazione in Ucraina/8 La delicata situazione in […]

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 41,3 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 41.341.755. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, nel 2019 l’inquinamento atmosferico ha ucciso 6,7 milioni di persone

Nel 2019, l’inquinamento atmosferico ha causato la morte di 6,7 milioni di persone in tutto il mondo, rendendolo la quarta causa di morte dietro l’ipertensione,…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conti pubblici, nel secondo trimestre il debito pubblico italiano ha raggiunto il 149,4% del Pil

Nel secondo trimestre del 2020, il debito pubblico italiano ha raggiunto il 149,4% del Prodotto interno lordo – è il secondo più alto nell’Ue, dopo…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, il Premio Sakharov è stato assegnato all’opposizione bielorussa

Il Parlamento europeo ha assegnato all’opposizione bielorussa il Premio Sakharov, che viene conferito a individui e gruppi che difendono i diritti umani e le libertà…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia