Sì al taglio dei parlamentari, cosa cambia con la riforma | T-Mag | il magazine di Tecnè

Sì al taglio dei parlamentari, cosa cambia con la riforma

La riduzione di deputati e senatori si applicherà con le prossime elezioni. Andranno ridisegnati i collegi e andrà rivisto anche il sistema di elezione del presidente della Repubblica

di Redazione

La vittoria del sì al referendum sul taglio dei parlamentaricon oltre il 69% dei voti, mentre il no si è fermato al 30% – rimodella ora il Parlamento, ma non da subito, e pone una serie di interrogativi sul nuovo assetto. Per prima cosa, Camera e Senato, passeranno, secondo la riforma, da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori. Tuttavia tale condizione si applicherà dalle prossime elezioni, quindi dal 2023, se la legislatura arriverà alla scadenza naturale (pertanto l’attuale Parlamento è da considerarsi pienamente legittimo).

La riforma, però, è già in vigore, anche se sarà operativa entro 60 giorni, dopo che verranno ridisegnati i collegi e di questo dovrà occuparsene il governo. Ciò, dunque, dovrà passare con ogni probabilità per nuova legge elettorale, questione peraltro ritenuta fondamentale dal Pd che ha sostenuto il sì alla riforma. Ad oggi la rappresentanza comprende un deputato ogni 96 mila abitanti e un senatore ogni 188 mila abitanti, con il taglio si scenderà a un deputato ogni 151 mila abitanti e ad un senatore ogni 302 mila. Sebbene si abbasserà il numero di rappresentanti per abitante, il numero degli stessi in Italia si collocherà comunque nella media europea. La differenza con altri paesi europei, semmai, è di tipo sistemico, cioè legato alle funzioni delle Camere: il nostro rimane a tutti gli effetti un bicameralismo perfetto.

L’elezione del presidente della Repubblica

Altra questione importante riguarda l’elezione del presidente della Repubblica. Vale il discorso sopra: il nuovo capo dello Stato dovrà essere eletto nel 2022 e se la legislatura proseguirà fino a quella data, l’elezione avverrà secondo le regole attuali. Al contrario, a votare per il futuro presidente della Repubblica saranno 600 parlamentari e non 1009, più i senatori a vita e i delegati regionali. Tra le leggi collegate (andranno rivisti anche i regolamenti parlamentari), il ddl di riforma costituzionale Fornaro (atteso in Senato il 25 settembre) che prevede la modifica dell’articolo 83 per l’elezione del capo dello Stato, con la diminuzione da tre a due del numero di delegati inviati dai consigli regionali, questo – come spiega il Sole 24 Ore – «per non sovrarappresentare i territori una volta ridotto il numero dei parlamentari».

 

1 Commento per “Sì al taglio dei parlamentari, cosa cambia con la riforma”

  1. […] quanto riguarda l’analisi del voto relativa al referendum, il sì al taglio dei parlamentari è stato votato in larga parte da quanti si dichiarano elettori […]

Scrivi una replica

News

Oms: «Nel terremoto in Turchia e Siria potrebbero esser state coinvolte fino a 23milioni di persone»

Fino a 23 milioni di persone potrebbero essere colpite dal violento terremoto che ha ucciso migliaia di persone in Turchia e Siria. Lo ha affermato…

7 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, ministro della Difesa lascia: «Grazie per il supporto»

«Manteniamo la posizione. Grazie a tutti per il supporto e per le critiche costruttive. Traiamo le conclusioni. Continuiamo le riforme. Anche durante la guerra. Stiamo…

7 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Occidente spinge Kiev a conquistare territori russi»

«Le azioni degli Usa e dei loro alleati stanno trascinando i paesi della Nato in un conflitto nell’area russa e potrebbero portare a un livello…

7 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Pyongyang: «Più manovre militari per avere forze armate pronte alla guerra»

«La Corea del Nord espanderà e intensificherà le manovre militari per garantire la preparazione delle sue forze armate alla guerra». E’ quanto emerge dalla riunione…

7 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia