Usa 2020. L’America e l’emergenza sanitaria | T-Mag | il magazine di Tecnè

Usa 2020. L’America e l’emergenza sanitaria

Altro che impeachment. La crisi legata al coronavirus sarà il banco di prova più importante per Trump. Intanto si vota in Michigan, Washington, Missouri, Mississippi e Idaho, più i caucuses in North Dakota

di Fabio Germani

L’emergenza sanitaria legata alla diffusione del coronavirus entra prepotentemente nella campagna elettorale degli Stati Uniti. Nei giorni scorsi il senatore del Vermont, Bernie Sanders, aveva chiesto di rallentare, di evitare le grandi folle nei comizi e le strette di mano. Da parte sua, però, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, sta minimizzando molto la portata dell’epidemia (che ormai sta assumendo sempre più i contorni di una pandemia, come ammesso dalla stessa Organizzazione sanitaria mondiale). Ed è su questo imprevisto, molto più che su altre questioni (tipo l’impeachment di cui si discuteva soltanto poche settimane fa), che a novembre Trump si giocherà la sua permanenza o meno alla Casa Bianca. Ma ci arriviamo per gradi.

L’America è intanto di nuovo chiamata al voto per le primarie, in quello di stanotte – martedì 10 marzo – che è una sorta di mini Tuesday, considerato che sono sei gli Stati interessati rispetto ai 14 della scorsa settimana.  Si vota in Michigan, Washington, Missouri, Mississippi e Idaho, cui vanno aggiunti i caucuses in North Dakota. In palio ci sono 365 delegati e l’ex vicepresidente Joe Biden, stando ai sondaggi e forte della posizione acquisita dopo il Super Tuesday, è ora il favorito, anche in ottica nomination. Per Bernie Sanders, di fatto il suo unico competitor, sarà importante l’esito elettorale del Michigan, Stato in cui vinse già nel 2016: stavolta, tuttavia, sembra partire piuttosto svantaggiato. Sarà inoltre una prova interessante, perché molti di questi Stati si rivelarono decisivi quattro anni fa nella sfida tra Donald Trump e Hillary Clinton. Biden è il favorito, non solo per il vantaggio nel numero dei delegati (ne ha 670 contro i 574 di Sanders), ma anche sul piano del sostegno politico esterno che ha ricevuto di recente. Tanti gli endorsement di spessore giunti nelle ultime ore, compresi quelli  di ex pretendenti alla Casa Bianca, tra i quali la senatrice Kamala Harris (qualcuno già ipotizza possa essere in lizza per il ticket presidenziale qualora Biden riuscisse a ottenere la nomination) e Cory Booker. Sanders – cha dalla sua ha comunque un personaggio storico come Jesse Jackson, simbolo delle battaglie per i diritti civili – ha già fatto sapere che non abbandonerà la corsa in caso di sconfitta (un po’ quello che fece nel 2016, con l’intenzione di portare alla convention democratica la sua piattaforma programmatica) e si è detto sicuro di poter vincere anche senza, eventualmente, il sostegno di Elizabeth Warren.  

Ora, però, tutto questo potrebbe perdere di importanza. Se non subito, nei prossimi  giorni. Perché l’emergenza coronavirus – sebbene ancora vissuta oltreoceano con minore apprensione rispetto all’Europa – sta iniziando a destare preoccupazione anche negli Stati Uniti. I casi di contagi – oltre 500 e qui in Italia sappiamo bene che sono cifre che potrebbero mutare molto velocemente – si sono registrati in almeno 34 Stati. Trump, dicevamo all’inizio, ha molto minimizzato fin dal principio la vicenda. Di nuovo ieri, via Twitter, faceva riferimento ai numerosi decessi legati all’influenza avvenuti lo scorso anno negli Usa. Ma la retorica dell’inquilino della Casa Bianca è una cosa, la volontà politica della sua amministrazione un’altra. Infatti lo stesso Trump ha pure annunciato che presto verrà chiesto al Congresso di approvare un piano di misure, anche economiche, per contrastare la possibile diffusione del virus. Nel mentre ulteriori riflessioni sulla necessità del muro, ora più che mai. Joe Biden, suo probabile sfidante a novembre, sempre via Twitter non manca di rispondere al presidente.

Secondo molti osservatori, vie di mezzo non sono previste. L’emergenza sanitaria (globale) avrà due effetti, una contrapposta all’altra: o la rielezione di Trump se l’amministrazione riuscirà a dare ai cittadini risposte concrete ed efficaci, oppure la sua fine politica. L’unico punto di contatto tra le due possibilità è che questa crisi avrà quasi sicuramente il sopravvento su qualsiasi altra questione affrontata dall’amministrazione nel suo primo mandato, controversa o di successo che sia stata.

@fabiogermani

Le puntate precedenti
Usa 2020. Il sorpasso di Joe Biden
Usa 2020. La non-vittoria di Sanders
Usa 2020. La versione di Trump e il flop dell’Iowa
Usa 2020. La politica e il Super Bowl
Usa 2020. Primarie al via, si parte dall’Iowa
Usa 2020. Una questione rimasta irrisolta
Usa 2020. Sarà ancora l’economia il tema decisivo?

 

3 Commenti per “Usa 2020. L’America e l’emergenza sanitaria”

  1. […] Usa 2020. L’America e l’emergenza sanitaria […]

  2. […] precedentiUsa 2020. Biden vince ancora (ma la notizia è un’altra)Usa 2020. Sarà Trump vs. BidenUsa 2020. L’America e l’emergenza sanitariaUsa 2020. Il sorpasso di Joe BidenUsa 2020. La non-vittoria di SandersUsa 2020. La versione di Trump […]

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a Wuhan le autorità locali hanno rialzato l’allerta

A Wuhan, città cinese epicentro della pandemia del nuovo coronavirus, gli abitanti sono stati invitati a rafforzare “le misure di auto-tutela”. In una nota, diffusa…

3 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Merkel ha concluso la quarantena

La cancelleria tedesca, Angela Merkel, ha concluso la quarantena. Lo ha annunciato il portavoce del governo tedesco, Steffen Seibert, intervenendo nel corso di una conferenza…

3 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, a marzo sono andati persi 701.000 posti di lavoro

A marzo, negli Stati Uniti, sono andati persi 701.000 posti di lavoro: si tratta del primo dato negativo dal settembre 2010. Il tasso di disoccupazione…

3 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, Johnson: “Ho ancora lievi sintomi: resto in isolamento”

“Sebbene mi senta meglio, e abbia trascorso i miei sette giorni d’isolamento, ho ancora uno dei sintomi” del nuovo coronavirus. Lo ha detto il premier…

3 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia