Usa 2020. L’emergenza sanitaria e le presidenziali | T-Mag | il magazine di Tecnè

Usa 2020. L’emergenza sanitaria e le presidenziali

Dai timori per l’economia e il lavoro a quelli per la salute dei cittadini, quale sarà l’impatto dell’attuale crisi sul voto di novembre?

di Fabio Germani

Il coronavirus ha già stravolto la campagna elettorale negli Stati Uniti: ha modificato appuntamenti, annullato comizi ed eventi, rinviato primarie in alcuni Stati. Insomma, non si tratta più di capire in che modo la pandemia entrerà nei dibattiti o quali saranno le proposte dei candidati al riguardo. Per quando si andrà al voto il grosso di quello che servirà per arginare la diffusione del virus sarà stato ormai compiuto. Nello specifico, a novembre, gli americani avranno da fare una scelta molto al di là della preferenza per questo o quel candidato, ma quasi certamente condizionata da un giudizio bell’e pronto su come è stata gestita l’emergenza, sulle mosse (responsabili o meno) della controparte, sulla visione di futuro che ciascuna posizione riuscirà a far emergere. Negli Stati Uniti, stando al bollettino della Johns Hopkins University aggiornato al 23 marzo, i casi positivi di coronavirus hanno superato quota 35 mila, mentre sono 471 i morti. Quale sarà, allora, l’impatto della pandemia sulle elezioni presidenziali americane? La premessa, del tutto politica rispetto alla questione, è che la sfida del 3 novembre sarà tra il presidente uscente, Donald Trump, e l’ex vicepresidente, Joe Biden (improbabile che a Bernie Sanders riesca una rimonta, dovrebbe vincere quasi ovunque nei restanti Stati con un margine molto largo).  

I dati che arrivano dai diversi sondaggi che stanno misurando le opinioni degli americani sull’emergenza restituiscono scenari che solo in apparenza possono apparire contraddittori. Se in un primo momento la Casa Bianca aveva negato – o almeno minimizzato – qualsiasi rischio elevato per gli Stati Uniti, Trump ha dovuto nei giorni scorsi fare un passo indietro e dichiarare l’emergenza nazionale, paventando l’ipotesi di tendenze recessive e mettendo sul piatto un piano da approvare al Congresso per complessivi mille miliardi di dollari (500 destinati direttamente ai cittadini e altrettanti alle piccole e medie imprese). Primi segnali che devono avere convinto una fetta importante di popolazione, considerando che il 55% – secondo  un sondaggio AbcNews/Ipsos – approva le misure dell’amministrazione. Ma solo il 37% – stavolta la rilevazione è della Npr – dichiara di fidarsi delle informazioni fin qui date dal presidente, il quale evidentemente – in questa fase – sta pagando le continue giravolte osservate nei primi giorni di crisi sanitaria (anche se, secondo un sondaggio analogo del Pew Research Center, le risposte su come Trump e Pence stanno affrontando l’epidemia variano molto al variare dell’appartenenza politica, tra i repubblicani il grado di fiducia è piuttosto alto). Poi c’è la questione legata proprio alla salute delle persone, perché non si tratta esclusivamente di una mera questione economica. I posti disponibili in terapia intensiva negli ospedali statunitensi sono circa 45 mila, una cifra esigua rispetto a quanti – nel quadro peggiore – dovrebbero servire per garantire cure e interventi nei casi più gravi. Mentre il costo dei tamponi, nonostante le rassicurazioni sulle coperture assicurative, potrebbe scoraggiare molti americani a farsi avanti in presenza di sintomi, seppur lievi, nel timore di dover sborsare cifre importanti e non alla portata di tutti.    

E la situazione fin qui descritta spiega molti aspetti di un’indagine più ampia condotta giorni fa dal Pew Research Center. Tanto per cominciare gli americani vedono il coronavirus più come una minaccia all’economia, quindi alle proprie tasche, che alla salute in generale. Non che quest’ultima non sia considerata a rischio, ma un 51% degli americani la ritiene una minaccia di tipo minore (solo il 27% appare, perciò, seriamente preoccupato). Tuttavia la quota di quanti considerano il Covid-19 una minaccia alla salute maggiore sale al 46% tra gli afroamericani e al 39% tra gli ispanici rispetto al 21% degli intervistati bianchi, ovvero tra le persone – per ragioni occupazionali e sociodemografiche – più esposte al rischio di subire le conseguenze peggiori in caso di contagio.

Il lavoro può essere giustappunto la chiave di tutto. La mancanza di lavoro a causa del coronavirus per un periodo prolungato può danneggiare soprattutto i lavoratori a basso reddito, quelli meno istruiti, i più giovani e i non bianchi. Poco più della metà degli occupati (54%) ritiene che non verrebbero pagati se il coronavirus dovesse causare la perdita del lavoro per almeno due settimane. Per i lavoratori neri e ispanici le preoccupazioni sono superiori. Molti di quelli ispanici (66%) temono di non essere pagati nell’arco di tempo considerato per l’assenza obbligata dal lavoro, incluso il 47% che afferma che sarebbe difficile far fronte alle spese durante questo periodo. La metà dei lavoratori neri afferma sostanzialmente la stessa cosa, mentre il 23% dichiara di non sapere cosa potrebbe accadere. I lavoratori più giovani intervistati – quelli compresi tra i 18 e i 29 anni – sono i gruppi di età che hanno le maggiori probabilità di dire che non saranno pagati se costretti a perdere due settimane di lavoro per il coronavirus.

Inutile girarci intorno: il coronavirus è entrato prepotentemente nella campagna elettorale e questi sono aspetti tutt’altro che trascurabili in chiave presidenziali, tanto per chi è in cerca di conferma – Donald Trump –  quanto per chi ambisce – Joe Biden, con ogni probabilità – a prenderne il posto alla Casa Bianca.

@fabiogermani

Le puntate precedenti
Usa 2020. Biden vince ancora (ma la notizia è un’altra)
Usa 2020. Sarà Trump vs. Biden
Usa 2020. L’America e l’emergenza sanitaria
Usa 2020. Il sorpasso di Joe Biden
Usa 2020. La non-vittoria di Sanders
Usa 2020. La versione di Trump e il flop dell’Iowa
Usa 2020. La politica e il Super Bowl

 

1 Commento per “Usa 2020. L’emergenza sanitaria e le presidenziali”

  1. […] puntate precedentiUsa 2020. L’emergenza sanitaria e le presidenzialiUsa 2020. Biden vince ancora (ma la notizia è un’altra)Usa 2020. Sarà Trump vs. BidenUsa 2020. […]

Scrivi una replica

News

Filippine, Duterte: «Il ritorno a scuola solo quando sarà disponibile un vaccino

Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha reso noto che non farà tornare gli studenti a scuola fino a quando non sarà disponibile un vaccino contro…

26 Mag 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 98mila decessi negli Usa

Sono stati 532 i morti causati dal coronavirus negli Stati Uniti nelle ultime 24 ore. Il decessi in totale dunque salgono a quota 98mila.…

26 Mag 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Lavoriamo per riaprire tutti i Paesi Ue il 15 giugno»

«L’Europa si sta organizzando per riaprire le porte al turismo. Non solo aeroporti liberi dal 3 giugno, ma frontiere a tutti gli effetti aperti il…

26 Mag 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gran Bretagna, si dimette il sottosegretario Ross

Il sottosegretario britannico al ministero per la Scozia, Douglas Ross, si è dimesso in seguito al caso Dominic Cumming, architetto della Brexit e potente consigliere…

26 Mag 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia