Come sta evolvendo la situazione in Catalogna/3 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Come sta evolvendo la situazione in Catalogna/3

Al momento la crisi non è stata ancora risolta: le due parti sono molto distanti tra loro
di Mirko Spadoni

Il presidente catalano, Carles Puigdemont, deve (ancora) rispondere alla domanda posta dal governo spagnolo la scorsa settimana: con il discorso pronunciato martedì al Parlamento catalano, l’indipendenza della Catalogna è stata dichiarata o meno? Ha tempo fino alle ore 10 di giovedì.

Puigdemont avrebbe dovuto rispondere già oggi, lunedì 16 ottobre, in realtà. Tuttavia nella lettera scritta al premier spagnolo, Mariano Rajoy, – un documento di quattro pagine inviato via fax a Madrid – il presidente catalano ha glissato, limitandosi a chiedere due mesi di dialogo attraverso una mediazione e una riunione urgente. “La nostra proposta di dialogo è sincera, nonostante tutto quanto è accaduto, ma logicamente è incompatibile con l’attuale clima di crescente repressione e minaccia”, si legge nella missiva.

Le richieste sono cadute nel vuoto, però: “Non è difficile dire sì o no, il governo si aspetta che nelle prossime ore Puigdemont risponda con chiarezza”, ha osservato la vice-premier spagnola, Soraya Saenz de Santamaria, in conferenza stampa. In caso di risposta affermativa, Madrid chiederà al Senato di approvare l’applicazione dell’articolo 155 della Costituzione.

Perché il governo spagnolo chiede un chiarimento? L’equivoco nasce martedì scorso: parlando al Parlamento catalano, Puigdemont ha dichiarato l’indipendenza salvo poi sospenderla un minuto esatto più tardi, nel tentativo di avviare un dialogo con Madrid.

L’articolo 155 della Costituzione permette a Madrid di sospendere l’autonomia di un governo regionale, nel caso in cui questo non rispetti i suoi obblighi o ponga una minaccia all’interesse nazionale. Il governo può “prendere le misure necessarie per obbligarlo” ad adeguarsi.

Tentata la via del referendum, considerato comunque illegale dal governo spagnolo, gli indipendentisti catalani non possono appellarsi neanche al diritto dell’autodeterminazione. Secondo il diritto internazionale, l’autodeterminazione può essere riconosciuta solo ai popoli soggetti a dominio coloniale; a quelli il cui territorio è stato occupato da un paese straniero e alle minoranze all’interno di un paese che si vedano rifiutare un accesso effettivo all’esercizio del potere di governo.

Leggi anche:
Catalogna: quando il calcio è separatista
Catalogna: il giorno dopo il referendum
Catalogna: il punto sul referendum
Gli ultimi sviluppi dalla Catalogna
Le conseguenze dell’indipendentismo catalano
Come sta evolvendo la situazione in Catalogna
Come sta evolvendo la situazione in Catalogna/2

 

1 Commento per “Come sta evolvendo la situazione in Catalogna/3”

Scrivi una replica

News

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa: “In Europa c’è un alto rischio di attacchi dell’Isis”

“Gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May: “Sono fiduciosa che si possa passare alla seconda fase”

“Sono fiduciosa che il mese prossimo i leader Ue possano dare il via libera alla seconda fase dei negoziati sulla Brexit”. Lo ha detto Theresa…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Offerto compromesso all’Ue”

“La Gran Bretagna ha offerto alcuni compromessi creativi in sede di negoziato sulla Brexit ma non sempre ha trovato disponibilità da parte dell’Ue”. Lo ha…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia