Usa 2020. Come cambia la geografia politica | T-Mag | il magazine di Tecnè

Usa 2020. Come cambia la geografia politica

Gli orientamenti degli elettori neri, ispanici e asiatici e perché sarà utile tenere d’occhio la Florida

di Fabio Germani

La geografia politica degli Stati Uniti sta cambiando. È un processo che viene osservato già da alcuni anni, anche se i risultati a livello locale e nazionale sembrano ancora discostarsi di parecchio. Molti di questi mutamenti, ad ogni modo, derivano dalla composizione sociodemografica della popolazione. Rendiamo tutto più semplice: si ritiene che entro il 2050 (precedenti stime avevano indicato il 2042) i bianchi non costituiranno più la maggioranza assoluta dei cittadini americani

La “nuova maggioranza” sarà quella che vedrà insieme le attuali minoranze, perlopiù latini, asiatici e afroamericani. In questo senso si guarda molto al Texas, Stato da sempre conservatore, ma che al suo interno presenta diversi puntini blu, che sono le città – la capitale Austin, ad esempio, ma anche Houston e Dallas – amministrate da sindaci democratici. È una tendenza generale, ovviamente. A livello nazionale – per i rappresentanti al Congresso o per la carica più importante, quella di presidente – a spuntarla sono di solito i candidati repubblicani: qui, nel 2016, Donald Trump vinse di nove punti su Hillary Clinton.

Dove i cambiamenti avvengono più rapidamente

A confermare il trend è un’analisi del Pew Research Center, secondo cui in tutti i 50 Stati Usa, la quota di elettori bianchi non ispanici è diminuita tra il 2000 e il 2018, con dieci Stati che hanno registrato cali a due cifre tra gli elettori bianchi. Nello stesso periodo, gli elettori ispanici sono arrivati ​​a costituire quote sempre più grandi dell’elettorato in ogni Stato, soprattutto in Nevada, California e Texas, appunto, che hanno visto una rapida crescita della quota ispanica dell’elettorato nel giro di 18 anni. Queste dinamiche si registrano anche in alcuni dei cosiddetti Battleground States (gli Stati contendibili, dove non c’è un chiaro orientamento verso uno schieramento o l’altro), tipo Florida e Arizona

L’orientamento politico per gruppi razziali ed etnici

Stando ai dati del Pew Research Center, nell’arco di oltre due decenni, il Partito democratico mantiene un ampio vantaggio di lunga data tra gli elettori registrati neri, ispanici e asiatici. Tra gli elettori bianchi, risulta esserci negli ultimi dieci anni un equilibrio piuttosto stabile, anche se il Partito repubblicano rimane in leggero vantaggio.

Occhio alla Florida

Da sempre la Florida è uno degli Stati più decisivi nella corsa alla Casa Bianca. Si ricorderà la contesa del 2000, con l’intervento della Corte Suprema, tra George W. Bush e Al Gore. Quattro anni fa, Trump in Florida vinse di poco. Nello Stato, riferisce sempre il Pew Research Center, due elettori ammissibili su dieci, nel 2018, erano ispanici, quasi il doppio della quota osservata nel 2000. Ma la questione, qui, è tanto più complessa. Perché va fatta una distinzione tra chi è di origine portoricana o messicana e chi è di origine cubana, comunità, quest’ultima, piuttosto presente in Florida. In generale, stando al National Survey of Latinos del 2018 del Pew Research Center, gli elettori ispanici di discendenza portoricana o messicana, indipendentemente dallo Stato di registrazione, erano più propensi di quelli di origine cubana a identificarsi come “democratici” o “inclini al Partito democratico” (il 65% dei portoricani americani e il 59% dei messicani americani contro il 37% dei cubani americani), mentre la maggioranza degli elettori cubani si definisce “repubblicano” o sostiene il Partito repubblicano (57%). Numerosi osservatori indicano, anche stavolta, la Florida quale Stato chiave per l’esito elettorale del 3 novembre. Secondo la media dei sondaggi elaborata da RealClearPolitics, il candidato dem Joe Biden avrebbe nello Stato un vantaggio sul presidente uscente di appena 1,5 punti, in lieve discesa dalle ultime rilevazioni.

@fabiogermani

Le puntate precedenti
Usa 2020. Una partita ancora incerta, intervista a Marco Sioli, professore di Storia e istituzioni delle Americhe all’Università degli Studi di Milano
Usa 2020. L’importanza degli Stati in bilico
Usa 2020. La pandemia preoccupa gli elettori
Usa 2020. L’America a pochi mesi dal voto
Usa 2020. Da dove vengono le proteste
Usa 2020. L’emergenza cambierà le regole del gioco?
Usa 2020. L’emergenza sanitaria e le presidenziali 

 

4 Commenti per “Usa 2020. Come cambia la geografia politica”

  1. […] 2020. Il primo dibattito tra Trump e BidenUsa 2020. Breve storia dei dibattiti televisiviUsa 2020. Come cambia la geografia politicaUsa 2020. Una partita ancora incerta, intervista a Marco Sioli, professore di Storia e istituzioni […]

  2. […] tra le minoranze, superata dagli ispanici che ammontano a 32 milioni, tra quelli idonei al voto. Abbiamo già scritto di come stia cambiando la geografia sociodemografica del paese e di come tali mutamenti potranno modificare, in un futuro non molto lontano, la politica […]

Scrivi una replica

News

Coronavirus: a livello globale, i contagi hanno superato i 242 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 242.196.787. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

21 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Emergenza sanitaria, Speranza: «La sfida contro il Covid è ancora aperta»

«La sfida contro il Covid è ancora aperta». Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel suo intervento all’evento “800 anni di carità:…

21 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Mosca: «Speriamo che nostro vaccino ottenga certificazione Ue»

Il Cremlino auspica che il vaccino russo contro il coronavirus sarà presto certificato in Europa, ha riferito il portavoce Dmitry Peskov. «Il lavoro in questa…

21 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Social media, Trump lancia la sua piattaforma

L’ex presidente statunitense, Donald Trump, ha annunciato il lancio della sua nuova piattaforma social, che si chiamerà “Truth”, cioè “verità”. La proprietà sarà invece chiamata…

21 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia